3 ore fa:Corigliano-Rossano, Straface denuncia: «Il Pronto soccorso dell’area ausonica a rischio chiusura dalle 20»
5 ore fa:Crisi del settore wedding. Da Castrovillari la proposta dei matrimoni in sicurezza arriva sul tavolo di Spirlì
6 ore fa:Cassano, affidato l’incarico per il Piano Spiaggia
5 ore fa:Emergenza Covid, da domani scuole medie chiuse a Rossano... la dirigente blinda l'istituto
4 ore fa:Vaccini, da oggi in Calabria intensificate le somministrazioni per i soggetti a rischio
4 ore fa:Covid, in Calabria riscontrati 11 casi di variante inglese
5 ore fa:Regionali, il centrodestra spinge per il voto subito. Ma l'election day potrebbe slittare a settembre
5 ore fa:Corigliano-Rossano, continuano ad aumentare i contagi. Anche oggi si registra un +9
6 ore fa:Saracena, il covid non ferma la programmazione strategica per la comunità
6 ore fa:Conferenza dei sindaci, Iacucci sorpreso: «È la prima volta che registriamo la presenza di un commissario Asp»

«Tutelare l’ambiente per una new economy che faccia spazio ai giovani»

2 minuti di lettura

Sono fortemente convinto che oggi il centro del nostro agire debba essere la tutela dell’ambiente e la salvaguardia dell’eco sistema che ci circonda.

Siamo un paese, l’Italia, tra i più ricchi in biodiversità; su questa biodiversità si può costruire una sostenibilità economica, fatta di progetti agroalimentari, turismo, economie circolari. Ma troppo spesso, invece di valorizzare questo pianeta, ci siamo impegnati a distruggerlo; per me oggi è arrivato il momento di rovesciare il paradigma, mettendo al centro del nostro agire l’ambiente e il territorio.

Il momento storico che stiamo vivendo ha portato tutti noi a riorganizzare i nostri stili di vita, cambiare le abitudini e rimettere in discussione molte delle nostre prassi, anche perché non più sostenibili.

Questa estate ho voluto girare tutta l’Italia: in bici in 15 giorni ho pedalato per 3000 km, andando ad incontrare tutte quelle realtà sul territorio che valorizzano il patrimonio ambientale e che a mio parere sono il motore del cambiamento, della rinascita; sono quelle aziende biologiche che amano la terra, quelle associazioni che valorizzano il territorio, tutti quegli imprenditori del mondo della ristorazione e dell’accoglienza che sanno quanto la terra, se amata e rispettata, può essere volano di ripresa.

Quasi due anni fa sono stato a correre in solitaria in Groenlandia per 200 km, per raccontare al mondo la bellezza dei ghiacciai e la responsabilità collettiva che tutti abbiamo nel doverli tutelare.

Abbiamo bisogno tutti di innamorarci dell’ambiente per sentirlo nostro; troppo spesso non ci rendiamo conto del danno che facciamo all’ambiente che ci circonda, perché le nostre azioni non hanno un riscontro negativo immediato, ma di fatto stiamo distruggendo un patrimonio incredibile con le nostre cattive abitudini: penso alle scelte alimentari, ma anche alla mobilità di tutti i giorni.

Abbiamo bisogno di fare scelte drastiche che ci portino a vivere un vero nuovo corso, basato sull’amore per l’ambiente, dobbiamo passare dalla denuncia all’azione.

Nel mio giro in bici, ho potuto attraversare la Calabria, e rendermi conto di quanto essa sia oggi, senza dubbio, una delle Regioni più incantevoli, e di quanto lavoro si potrebbe fare per valorizzarla.

Una regione che ha al suo interno, dalla montagna al mare, le colline, le città storiche, un patrimonio di biodiversità incredibile. Basti pensare ai borghi arroccati sulle montagne, alla sua cucina strettamente di territorio, capace di valorizzare la gastronomia tipica della costa e quella della montagna.

Una Regione dove tanti imprenditori, troppo spesso lasciati soli, stanno continuando a scommettere sul territorio e sulle sue bellezze. Un territorio incontaminato che può ospitare il turista che ama gli sport, ma che ricerca la cultura.

In Calabria ho trovato esperienze incredibili di accoglienza, progetti agricoli sociali, borghi tra i più belli d’Italia, la Sila -una montagna che non ti aspetti a pochissimi km dal mare- e spiagge stupende.

Questo è un patrimonio che abbiamo il dovere di valorizzare, e che deve essere il motore di un’economia che ormai non può essere il futuro, ma deve essere il presente.

Parlare di ambiente vuol dire parlare di economia, di giovani che devono poter avere un futuro nella terra dove sono nati e non avere l’obbligo di migrare per realizzare i loro sogni.

Oliviero Alotto
Autore: Oliviero Alotto

Oliviero Alotto è un ecorunner torinese con origini calabre. Nel 2001 fonda ‘Terra del Fuoco’ con cui si occupa di migranti; dal 2005, con il Treno della Memoria, accompagna i ragazzi a visitare i campi di concentramento. Dal 2017 è Fiduciario della condotta Slow Food di Torino e sostiene il progetto Orti in Africa. Dal 2016 è consulente di aziende vitivinicole, valorizzando le eccellenze Italiane all’estero. Collabora con numerosi brand di cui è testimonial. #RunBefore2050 è la sua campagna di sensibilizzazione ambientale, correndo su lunghissime distanze nelle località più a rischio del nostro pianeta. Le ultime esperienze lo hanno visto nei deserti della Mongolia e tra i ghiacciai della Groenlandia. Nei mesi scorsi ha percorso l’Italia in bici, facendo tappa nella nostra città.