10:15 am:Leonardo Trento: «Sulla riapertura del “Cosentino” pesa il conflitto d’interesse»
47 minuti fa:Il Richiamo alla responsabilità dell’autorità portuale di Gioia tauro: «Scarsa partecipazione dei dipendenti all’attività di screening»
11:19 am:Estirpavano la vegetazione senza autorizzazione, denunce e sequestri dei Carabinieri
11:05 am:Covid, numeri sottostimati nei piccoli centri della Calabria: La psicologa: «Ecco perché»
12:12 am:Agguato di 'Ndrangheta a Sibari: ucciso a colpi di calibro 9 Giuseppe Gaetani
10:09 am:I giovani di Azione sulla crisi del sistema turistico in Calabria
24 minuti fa: Frascineto: il Comune emetterà buoni spesa per 18.000 euro in favore delle famiglie in difficoltà
9:12 am:Corigliano-Rossano, il randagismo e l’esasperazione dei cittadini: non si può più uscire di casa
8:24 am:Pasqualina Straface: «Riqualificare le aree urbane, cominciando dalle zone di mare»
9:12 am: La Coop a sostegno della Clementina: garantire giusto prezzo di acquisto. Graziano: «Sia solo il punto di partenza»

«Dal buio alla luce» della Shoah: il Plesso Tarsia realizza un cortometraggio

1 minuti di lettura
Un luogo storico, simbolo dell'umanità dei cittadini tarsiani che, nonostante, in loro, incombesse la paura della dittatura nazi-fascista, ebbero il coraggio di mantenere la bontà d'animo aiutando la popolazione degli internati. Una virtù che la scuola si sente in dovere di ricordare. Come? Attraverso un video nel quale, i terribili eventi del genocidio nazista, sono stati tasformati in un racconto di emozioni, nel quale, la tristezza, la paura, la rabbia, il dolore, la vergogna e il disprezzo dei terribili eventi del genocidio nazista, hanno preso vita grazie all'ottima interpretazione dei ragazzi della classe III della scuola secondaria di I grado di Tarsia. Il cortometraggio "Dal buio alla luce" esprime una nuova didattica e, cioè, il ruolo delle emozioni nell'apprendimento.“Emozione”, un termine che deriva dal latino “emotus”, ossia trasportare fuori, smuovere, scuotere.I ragazzi, infatti, hanno vissuto in prima persona tutti i sentimenti che caratterizzano il terribile tema della Shoah.A curare i testi e la recitazione, è stata la professoressa Sara Viciconte, delle riprese e il montaggio se n’è occupato il professore Fabio Sposato.Ruolo fondamentale è stato quello della Dirigente Scolastica Maria Letizia Belmonte. Di seguito riportato il link su cui poter vedere il video: https://drive.google.com/file/d/1hMpI2bDZ5Tnd9aGq54lTDewkDRIXhUCd/view?usp=sharing  
Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.