13 ore fa:Il purgatorio è finito: la Rossanese è l’Eccellenza
20 ore fa:Viaggio tra i Feudi della Sila Greca - Calopezzati, dai Caputo alla scomparsa di Covella Ruffo
13 ore fa:Fu la Panaghia la prima chiesa di Rossano? C'è un indizio storico
16 ore fa:Imposte e Documento unico di Programmazione, torna a riunirsi il Consiglio comunale
17 ore fa:La Lega Navale incontra l'Esecutivo: in vista nuovi progetti per Corigliano-Rossano
12 ore fa:Conte arriva a Corigliano-Rossano e con Stasi è amore a prima vista: «È una garanzia»
19 ore fa:VOLLEY FEMMINILE - Sconfitta interna "indolore" per la Caffe San Vincenzo: quarto posto blindato
18 ore fa:Era stato stato accusato di violenza, assolto un agente di polizia
21 ore fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie
11 ore fa:La Straface inaugura nuova punto politico a Rossano e parla di turismo: «Ci ispireremo a Tropea»

Atto vandalico sulla pista pedo-ciclabile Morano Castrovillari: formalizzata la denuncia contro ignoti

1 minuti di lettura

MORANO CALABRO - Nella mattinata di oggi gli agenti della Polizia Locale, coadiuvati dagli ausiliari del traffico in servizio presso la municipalità, hanno scoperto durante un normale controllo del territorio gli effetti di un vile atto vandalico consumato ai danni della pista pedo-ciclabile, sezione centrale del suggestivo tragitto che collega l'ex stazione ferroviaria di Morano a Castrovillari.

Il Comando dell'organo di Polizia, sito in Piazza Giovanni XXIII al piano terra del palazzo comunale, era stato allertato da una segnalazione riguardante la presenza di cani randagi sul tracciato, ma arrivati sul posto, anziché trovare animali, gli agenti si sono imbattuti in un deprimente quanto inaspettato spettacolo: circa 7/8 metri di staccionata divelta con accanimento. Un inspiegabile moto di furia scatenata, chissà per quale oscura ragione, contro lo steccato in legno delimitante il frequentatissimo itinerario naturalistico.

In queste ore l'agente Francesco Rizzo sta procedendo alla formalizzazione della denuncia contro ignoti.

Durissima e immediata la condanna del sindaco Nicolò De Bartolo, prontamente avvertito dell'accaduto. «Siamo difronte a un gesto inqualificabile, che offende l'intera comunità. Non riusciamo a comprendere – afferma il primo cittadino - come si possa assalire così stupidamente un bene che appartiene a tutti e che offre, a chiunque lo desideri, la possibilità di praticare sana e ritemprante attività fisica immersi nella natura incontaminata dei nostri luoghi».

«La Polizia Municipale indagherà per fare luce sull'episodio e arrivare all'individuazione dei responsabili. Non dovrebbe essere necessario minacciare punizioni per ottenere risultati – osserva De Bartolo - ma chi ha scientemente deciso di nuocere alla collettività con un'azione così insensata e deplorevole, deve sapere che se le ricerche avranno esito positivo, come auspichiamo, non mancheremo di assumere adeguati provvedimenti. L'ignobile comportamento di qualche scalmanato ci obbligherà, ahinoi, a destinare risorse per ripristinare la staccionata, sottraendole ad altre iniziative di utilità sociale. Che tristezza».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.