2 ore fa:Truffe online, poche e semplici regole per evitare spiacevoli sorprese e salvaguardare il nostro conto
4 ore fa:Il “Movimento per la Vita” di Co-Ro compie 36 anni: da marzo diversi appuntamenti per celebrare l’evento
1 ora fa:Da Cassano un appello per rilanciare e potenziare la rete oncologia territoriale
16 ore fa:Cariati, studenti in piazza per ricordare l’Olocausto e allontanare ogni forma di discriminazione
1 ora fa:Discarica Scala Coeli, veto della Ferrara: «Nessun ampliamento senza Green New Deal»
3 ore fa:Mensa a Co-Ro, per il sindaco «il benessere degli studenti è al primo posto» e revoca il servizio in atto
3 ore fa:Situazione grave nella Sanità calabrese, “De Magistris Presidente” appoggia lo sciopero dell’Usb
4 ore fa:Nasce la Confederazione Pasticceri italiani Calabria: «Una bella e dolce realtà»
2 ore fa:«Rilanciare la sede Inrca di Cosenza» è l’appello di Loizzo (Lega) al presidente Occhiuto
55 minuti fa:Da tre anni la stessa storia: cancelli di Bucita chiusi e lo spauracchio di una nuova emergenza rifiuti alle porte

Due persone denunciate per caccia di frodo nel Parco della Sila

1 minuti di lettura

SAN GIOVANNI IN FIORE - Gli agenti della Polizia Provinciale di Cosenza in servizio presso il Distaccamento di San Giovanni in Fiore, nell'ambito di uno specifico servizio di controllo del territorio, hanno sorpreso delle persone, di cui due armate di fucili e con cani da caccia al seguito, all'interno del Parco Nazionale della Sila – zona 2 – in località Timpone Rosso del comune di San Giovanni in Fiore. In seguito ad un accurato controllo sulle armi imbracciate è emerso che le stesse erano cariche e, uno dei due fucili, un semiautomatico, era capace di incamerare più cartucce rispetto al numero consentito previsto dalla legge, ciò in virtù dell'assenza di accorgimento tecnico finalizzato a limitare i colpi durante l'attività venatoria. Inoltre, entrambi i soggetti erano sprovvisti di autorizzazione rilasciata dall'Ente Parco, tenuto conto che avevano introdotto delle armi e relative munizioni all'interno di un itinerario non autorizzato dell'area protetta.

Gli agenti sono entrati in azione nei fitti boschi sopra il villaggio Germano, in un'area situata ad oltre 1400 metri di quota. Al termine delle formalità di rito, sono stati sequestrati due fucili calibro 20 e 42 cartucce a piombo spezzato, il tutto messo a disposizione della competente autorità giudiziaria che ha già convalidato il sequestro penale eseguito dalla polizia giudiziaria operante. Per le due persone armate è scattata la denuncia a piede libero alla Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Cosenza, le ipotesi di reato contestate sono di esercizio venatorio in un Parco nazionale e introduzione non autorizzata di armi all'interno della medesima area protetta, ad uno dei due è stato contestato anche l'esercizio venatorio con mezzi vietati dalla legge. Nell'ambito della stessa operazione è stata elevata una sanzione amministrativa per violazione alla legge quadro n.157/1992; inoltre, altre persone sono state invitate presso gli uffici della Polizia Provinciale per essere sentite come persone in grado di riferire circostanze utili ai fini delle indagini.

Le attività istituzionali di prevenzione e repressione degli illeciti, come da disposizioni del coordinatore dei servizi della Polizia Provinciale di Cosenza, sostituto commissario Salvatore Di Iuri, proseguiranno anche nei prossimi giorni, con gli agenti del distaccamento di San Giovanni in Fiore impegnati in prima linea nel controllo del territorio della Sila e nel contrasto a ogni forma di bracconaggio.  

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.