16 ore fa:Corigliano-Rossano, una statua che trasmette speranza dimora davanti all'oratorio di Maria Madre della Chiesa
14 ore fa:Calcio: Castrovillari, esonerato Mister Franceschini
1 ora fa:Cassano, consiglieri di maggioranza sulla sentenza della Cassazione: «Giustizia è stata fatta»
17 ore fa:Copagri Calabria, Francesco Macrì è stato eletto presidente
2 ore fa:Al Paolella di Corigliano-Rossano in scena il V° canto della Divina Commedia
16 ore fa:Covid, l'Asp finalmente pubblica i dati comune per comune... grazie a La Regina e a Rizzo
17 minuti fa:Corigliano-Rossano, la rossanese Verdiana Zangaro torna a Sanremo come ospite
2 ore fa:Cosenza, produce grappa di contrabbando: denunciato uomo di nazionalità cinese
1 ora fa:Cariati, 29enne trovato con 20 dosi di marijuana: arrestato
17 ore fa:Tari: Castrovillari attiva il canale telematico per contrastare le anomalie

A caccia di beccacce fuori tempo, denunciato un bracconiere di San Pietro in Guarano

1 minuti di lettura

COSENZA - Un cacciatore di S.Pietro in Guarano è stato denunciato dai Carabinieri Forestale di Cosenza per aver abbattuto una beccaccia a caccia chiusa con la pratica della cosiddetta "caccia ad appostamento". Si tratta di una attività venatoria illecita che sfrutta quando questa specie, all’imbrunire, lascia il bosco dove si rifugia durante il giorno per posarsi in aree aperte per cibarsi e passare la notte.

Per questo il vigente calendario venatorio regola che la beccaccia possa essere cacciata da un’ora dopo l’avvio della giornata venatoria fino ad un’ora prima della chiusura della stessa, proprio per consentire a questo animale di poter uscire alla sera verso le proprie zone di pascolo e rientrare indenne alla mattina verso le proprie rimesse.

I militari a tal riguardo hanno predispoto un servizio mirato a reprimere tale attività che ha portato a sorprendere il cacciatore in località Santa Chiara del comune di Rende lungo il corso del fiume Crati in attività di caccia.

In particolare i militari attirati dagli spari in orario non consentito si appostavano nelle vicinanze e bloccavano il cacciatore a cui veniva trovata una beccaccia da poco abbattuta per la quale la stessa attività venatoria è attualmente vietata dal calendario venatorio.

Si è quindi proceduto al sequestro dell’arma e del munizionamento oltre ad una lampada frontale usata dallo stesso per muoversi durante le ore notturne e della selvaggina appena abbattuta. L’uomo dovrà rispondere del reato di esercizio venatorio in periodo di chiusura generale della caccia

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.