17 ore fa:Studenti della Tieri in visita ai cantieri del nuovo ospedale. Occhiuto li rassicura: «Concluderemo i lavori entro la terza media!»
25 minuti fa:«Altro che due settimane...» per il Trenino della Sila si prospettano tempi lunghi
1 ora fa:È morto Tonino Mundo, uno dei leoni socialisti dello Jonio
1 ora fa:Tra le "Miglior Tesi di Laurea" della Iuav di Venezia c'è quella del rossanese Giulio Gigliotti
19 ore fa:Una delegazione di agricoltori calabresi pronti a partire per Bruxelles 
18 ore fa:Amedeo Fusco racconta Frida Kahlo a Venezia
3 ore fa:Le Lampare Bjc lanciano un appello al Sindaco Minò contro la chiusura della rete ferroviaria jonica
16 ore fa:Teatro, musica e cinema: l'Unical porta in scena un cartellone dal grande respiro artistico
16 ore fa:“Linea Bianca” in Sila per una puntata dedicata ai tesori delle montagne calabresi
17 ore fa:Unical: Sfiduciato il Presidente del Consiglio degli Studenti Gregorio Collia

Bevacqua critico su nuovo decreto sanità: "Risponde a vecchie logiche e interessi"

1 minuti di lettura
“Il decreto n. 9 del Commissario alla Sanità, così com’è, non va”. Non usa mezze parole il consigliere regionale Domenico Bevacqua per esprimere il suo giudizio sul nuovo Piano di riorganizzazione della rete ospedaliera calabrese. “Sono consapevole – prosegue Bevacqua – che, per un piano che temporalmente interessa il periodo 2013/2015, le responsabilità, chiaramente in capo a una gestione passata a dir poco scellerata, non possono di certo essere addossate di peso e integralmente al nuovo Commissario Scura, ma si deve prendere atto che il provvedimento appare anacronistico, lacunoso e, per diversi aspetti, irragionevole”. Sottolineando “come il Piano, non recependo i nuovi standard che per la Rete Ospedaliera prevedono specifiche tipologie di Ospedali (Generali, Spoke e Hub), vada in controtendenza rispetto agli impegni assunti nella Conferenza Stato-Regioni”, Bevacqua fa notare altresì che “l’aumento dei posti letto appare soltanto teorico, in ragione della cronica carenza di personale, della mancanza di sblocco delle procedure per le assunzioni, nonché dell’assenza di spazi e attrezzature adeguate. La mancata applicazione dei nuovi modelli ospedalieri risponde a vecchie logiche e interessi che nella nostra regione non devono più avere diritto di cittadinanza”. “Allo stesso modo – aggiunge l’esponente Pd -  si presentano prive di giustificazione, come oggi ha brillantemente evidenziato il Dott Noto in una sua nota, le misure tese a depotenziare reparti di eccellenza quali, per restare soltanto all’Annunziata di Cosenza, la reumatologia, la cardiologia interventistica, e a non  valorizzare punti di eccellenza come il centro per la diagnosi e la cura dei tumori del fegato”. “Alla luce delle considerazioni appena esposte – conclude Bevacqua – e confidando nella capacità tecniche dell’ing. Scura, sono certo che lo stesso commissario, calabrese fra i calabresi, non tarderà ad organizzarsi e andare a visitare le realtà ospedaliere della Regione, avendo così modo di constatare personalmente lo stato dei fatti e provvedere al più presto a intervenire attivamente e rivedere il decreto appena approvato interfacciandosi in maniera costruttiva e costante con il Consiglio regionale e la Giunta ”.
Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.