1 ora fa:Il Cardinale Matteo Maria Zuppi riceverà il Premio Nazionale "Giorgio La Pira - Città di Cassano"
1 ora fa:Cariati, il servizio di trasporto pubblico urbano giornaliero diventa realtà
2 ore fa:Moda a Roma, tra "i racconti" in passerella anche quelli di 3 giovani calabresi
3 ore fa:Rischio idrogeologico, a Frascineto installata una stazione di monitoraggio e sorveglianza
11 minuti fa:Cassano Jonio, affidata la gestione del Parco del Monte ad "Asso.Monte - Terre d'Enotria"
2 ore fa:Cassano ha ospitato un grande evento di Reining
4 ore fa:Caloveto, attesa per i festeggiamenti in onore della Madonna della Beata Vergine del Carmelo
4 ore fa:Cariati, avviso pubblico di selezione per un Revisore Contabile Indipendente
3 ore fa:Unical: al via il bando per master, alta formazione e summer school
41 minuti fa:Morano Calabro tra le venti città italiane candidate a Capitale della Cultura 2027

Nuova Statale 106, sintonia tra Papasso e Occhiuto che chiedono congiuntamente soluzioni ad Anas

2 minuti di lettura

CASSANO JONIO - Si è tenuta ieri mattina a Catanzaro l'attesa conferenza di servizi convocata dal Commissario straordinario per la Statale 106 Massimo Simonini per decidere il futuro del tratto Sibari-Rossano della Statale 106 jonica.

Vista la presenza, tra gli altri, della Regione Calabria e di Anas, proprio il Sindaco Giovanni Papasso, ha preso la parola ribadendo il parere espresso nei giorni scorsi quando l'amministrazione comunale aveva protestato perché ai danni di Cassano si stava consumando un nuovo scippo, quello del mancato raddoppio della Statale 534 dall'imbocco con la nuova Sibari-Rossano e fino al quadrivio dei Laghi di Sibari, che si andava a sommare alla sottrazione dello svincolo di Caccianova (area del Comune di Cassano tra Sibari e Lauropoli) dal progetto del Terzo Megalotto Sibari-Roseto e del relativo campo base che in origine era previsto a Sibari. Decisioni che creerebbero e hanno in parte già creato danni al territorio.

Nel dettaglio, dal nuovo progetto del tratto Sibari-Rossano in discussione oggi, il Ministero della Cultura - Direzione Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio - Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la Provincia di Cosenza nel proprio parere, nonostante l'area intera ricadesse sotto la sua competenza, ha dato il via libera alla costruzione dell'opera in generale mentre non lo ha concesso per il raddoppio della Statale 534 dall'imbocco con la nuova Sibari-Rossano e fino al quadrivio dei Laghi di Sibari. Per la Soprintendenza Abap di Cosenza, infatti, «si tratta di un'opera finalizzata al solo potenziamento e adeguamento della viabilità, quindi complementare al lotto principale» ribadendo ancora che «allo stato attuale ritiene che non è possibile assentire all'intervento preposto». Una palese ingiustizia perché si sono utilizzati due pesi e due misure.

Nel suo intervento, il sindaco Papasso ha chiesto con forza il recupero dello svincolo di Caccianova nel Terzo Megalotto, fondamentale per il territorio, e ha parlato di palese ingiustizia in riferimento al mancato raddoppio della restante parte della Statale 534 «perché – ha spiegato – è un'opera fondamentale per avvicinare le nuove infrastrutture viarie al complesso nautico dei Laghi di Sibari e, soprattutto, al Museo e al Parco archeologico di Sibari».

Dopo il Sindaco di Cassano ha preso la parola il Presidente della Regione Calabria che si è trovato in completa sintonia.

Il Presidente Roberto Occhiuto, infatti, ha fatto proprie le istanze arrivate da Papasso e ha sollecitato Anas a lavorare affinché lo svincolo di Caccianova venga ripristinato nel costruendo Terzo Megalotto Sibari-Roseto. Una sintonia che è stata sostanziale anche in merito al raddoppio della rimanente parte della Statale 534 dallo svincolo della nuova strada fino al quadrivio dei Laghi di Sibari.

Nell'area, infatti, è presente un vincolo indiretto che sembra possibile rivedere. Anche in questo caso, la Regione supporterà il Comune di Cassano nel chiedere la modifica del vincolo al Ministero.

Papasso e Occhiuto sono stati anche concordi nel chiedere ad Anas di mantenere il raddoppio nel quadro economico così come originariamente previsto dal progetto e metterlo a gara così com'è ora in attesa che arrivi il nuovo parere del Ministero e della Soprintendenza di Cosenza.

Anas dal canto suo ha preso atto delle richieste del Comune di Cassano e della Regione Calabria e ha fatto sapere che manterrà il raddoppio nel quadro economico e si impegnerà anche per il ripristino dello svincolo di Caccianova. Tutti i presenti hanno apprezzato la posizione dell'amministrazione comunale sibarita che comunque è stata positiva e propositiva e non ha ostacolato il futuro del progetto della Sibari-Rossano.

A margine della conferenza di servizi, Papasso ha ringraziato il Presidente Occhiuto per aver fatto proprie istanze serie ed essenziali del territorio e per la forte sinergia che si è creata. L'occasione, infine, è stata fruttuosa per parlare anche di altri problemi tra cui il progetto del nuovo porto-canale dello Stombi e, in particolare, la questione dell'acqua potabile a Marina di Sibari e, nei prossimi giorni, ci potrebbero essere determinazioni positive in tal senso.
 

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.