6 ore fa:Manovra finanziaria, la Cisl chiede modifiche su investimenti, pensioni, politiche dei redditi e sanità
3 ore fa:Ramificazioni Festival, continuano gli appuntamenti della danza d'autore
7 ore fa:Dopo quasi 40 anni tornano in Calabria tre rotabili d’epoca di inestimabile valore
5 ore fa:Olivo sugli eventi natalizi: «Iniziative annunciate solo 24h prima. Nessuna programmazione e zero marketing»
7 ore fa:Corigliano-Rossano fa scuola di “buone pratiche”
4 ore fa:Il rossanese Luigi Canotto è il miglior giocatore della Serie b del mese di novembre
4 ore fa:Urbanistica, consumo di suolo zero e città verticali inesistenti: questo Psa è un piano fallimentare
5 ore fa:Torna "Retake" con un nuovo appuntamento a tema natalizio: "Com' nu presep"
6 ore fa:Per Stasi la fusione «ha sconvolto assetti di potere e sistemi di convenienza radicati»
5 ore fa:Quando piove e "vengono a galla" tutti i problemi di un territorio

Otto Torri sulla mensa scolastica: «obbligare le aziende ad investire sul territorio»

2 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - Non si placano le polemiche sulla mensa scolastica e il direttore dell'associazione europea Otto Torri sullo Jonio torna a dire la sua sulla questione.

«Se - dichiara Lenin Montesanto - come si legge in un comunicato istituzionale della commissione consiliare Servizi alla Persona del Comune di Corigliano-Rossano riunitasi nei giorni scorsi, sarebbe stato "appurato che sulla tavola dei nostri bambini sono presenti molti prodotti del territorio", allora l'assessore al ramo Alessia Alboresi ha il dovere di comunicare alla città quali sarebbero questi fantomatici prodotti e sulla base di quali criteri qualitativi sarebbero state selezionate le aziende locali eventualmente fornitrici. Perché alle famiglie delle alunne e degli alunni non risulta nulla di tutto ciò, sin dall'avvio, ormai quasi un mese fa, del servizio pubblico di mensa scolastica». 

«L’associazione – si legge nella nota stampa - rinnova all'Amministrazione Comunale l'appello pubblico alla trasparenza delle informazioni alle famiglie, allo stato gravemente omissive; al rispetto del capitolato d'appalto sulla mensa in ordine alla filiera corta ed alla stagionalità dei prodotti; e soprattutto alla preminente funzione educativa alla quale, al di là di ogni altra valutazione quantitativa o economica, l'istituzione pubblica locale non può abdicare, tanto più in una regione come la Calabria con la più alta percentuale europea di obesità infantile».

«La società affidataria del servizio mensa – continua Montesanto - sta usando oppure no extravergine d'oliva di questo territorio che è “Città dell'Olio” e che coordina le città dell'olio calabresi? Le patate servite sono quelle Igp della Sila? I formaggi sono quelli territoriali o calabresi o forse si confonde la filiera corta con il Quick? Da dove viene la presunta frutta fresca (termine introdotto nell'app solo dopo le nostre prime denunce) annunciata ogni mattina? O la si confonde forse con quella non stagionale o trentina che va per la maggiore oppure con le merendine ed i finti succhi industriali senza frutta? E le carni proposte sono, non diciamo di podolica calabrese, ma almeno di allevamenti territoriali? Il riso è quello di Sibari? E la pasta e i condimenti? La cipolla è quella rossa di Tropea Igp Calabria? Ortaggi, insalate e legumi, se ve ne sono di stagionali ma non ci risulta, da dove arrivano nei piatti delle nostre figlie e dei nostri figli? Oppure rispondono forse ai criteri di territorialità, stagionalità e qualità i bastoncini industriali di pesce improbabile? La Alboresi lo sa? È a conoscenza di queste informazioni? Ci sono documenti, risultanze e fatture che confermano quanto sostiene la commissione consiliare o si tratta soltanto di balle e disinformazione istituzionale?  L'assessore che confonde la cucina di Cracco con l'abc dell'educazione alimentare e della filiera corta è in grado di far avere questi dati alle famiglie, interpretando con cognizione di causa il ruolo e la funzione ricoperti? In attesa che venga convocata l'apposita commissione mensa scolastica, così come hanno formalmente richiesto da giorni e con urgenza tutti i referenti nominati da ciascun circolo didattico della Città, l'Alboresi trovi almeno il tempo di rispondere e chiarire alle famiglie se l'Amministrazione Comunale ha intenzione oppure no di interpretare con responsabilità politica e sociale un suo duplice dovere istituzionale».

E conclude: «Da una parte, quello di promuovere l'educazione alimentare verso le nuove generazioni, priorità che non può essere barattata né con la demagogica ricerca del consenso, suggerito dai numeri degli iscritti alla mensa, né con eventuali logiche di scarsità di risorse di bilancio comunale o peggio di profitto aziendale della società affidataria. Dall'altra, un ulteriore dovere di sovranità alimentare e di economia circolare rispetto ai tanti produttori di questo territorio che potrebbero e dovrebbero trarre ogni beneficio economico ed occupazionale dal coinvolgimento, attraverso le associazioni di categorie ed i consorzi».

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.