9 ore fa:Elezioni, Tavernise (M5s): «Sul territorio siamo forza concreta »
8 ore fa:Cassano Jonio, al via i lavori di messa in sicurezza di località Grotta della Rena
5 ore fa:A Corigliano-Rossano arriva Roberto Emanuelli
7 ore fa:Straface sarà sia consigliere comunale a Co-Ro che consigliere regionale
3 ore fa:Degrado alle Terme di Spezzano Albanese: «Una storia di malagestione che dura da anni»
5 ore fa:Zes unica, Coldiretti: «Bene estensione del credito alle imprese agricole che trasformano e commercializzano»
6 ore fa:Cassano, Guerrieri: «Lavoriamo a una lista di partito per le prossime elezioni comunali del 2025»
2 ore fa:Antonello Graziano è il nuovo vicepresidente nazionale di Federsanità
2 ore fa:Post voto. Ad Acquaformosa volano le poltrone dai balconi del Comune ma la neo sindaca smentisce
7 ore fa:Cicogna bianca, nidificazione a rischio per attività di addestramento di cani da caccia

Antonio, da Saracena a Parma, nell'equipe medica che ha eseguito l'intervento al cuore più delicato al mondo

1 minuti di lettura

SARACENA - Un paziente giovane ma complesso, affetto da patologie per le quali era stato escluso qualsiasi tipo di trattamento. Un caso complicato ma non impossibile per l'equipe di Cardiochirurgia, diretta da Francesco Nicolini, dell’Ospedale Maggiore di Parma, che ha effettuato un intervento di cardiochirurgia mininvasiva, eseguito solo per la seconda volta al mondo.

La notizia è stata pubblicata su La Repubblica e sui maggiori quotidiani locali che hanno reso noti anche i nomi dei componenti della squadra di professionisti in prima linea in questo raro caso e tra questi c'è anche Antonio Curia, infermiere crimper, dedicato alla predisposizione dei sistemi di preparazione e rilascio valvolare, classe 1975 originario di Saracena.
Da anni Curia è parte integrante dell'area infermieristica del Maggiore ed in questo delicato e straordinario intervento è stato componente dell'equipe di infermieri insieme ai suoi colleghi.

L'operazione, ha spiegato il cardiochirurgo e primo operatore Andrea Agostinelli a Parma Today, era stata eseguita solo nel 2015 a Kansas City, negli Stati Uniti ma negli anni l'equipe in questione ha acquisito le esperienze necessarie per operare attraverso accessi alternativi. È stata questa, infatti, la scelta: una soluzione che ha permesso al paziente di essere trattato e che, diversamente, non avrebbe potuto ricevere altri tipi di terapia.

Insomma, un intervento raro ed innovativo, eseguito da operatori di grande competenza ma che sottolinea ancora una volta come la sanità sia sempre più efficiente in altre parti d'Italia, lontane dalla nostra terra. Una discrasia evidente soprattutto in questo tempo, in cui la pandemia sembra fare da padrona, prevalendo prepotentemente su ogni altra patologia. È questo, quindi, uno dei casi in cui è chiaro come dalla Calabria vengano fuori i cervelli migliori ma che trovano sempre maggiore spazio in realtà diverse, in grado di rendere giustizia alla formazione, alle capacità e ai tanti anni di esperienza sul campo.

Paola Chiodi
Autore: Paola Chiodi

Curiosa, solare e precisa. Laureata in Comunicazione e Dams all'Università della Calabria, ha perfezionato gli studi con un Master in Giornalismo e Comunicazione insieme alle più grandi firme del panorama nazionale. Dal copywriting e la comunicazione per il web è entrata da subito nel mondo del giornalismo televisivo, come inviata e conduttrice di format, speciali e servizi. Si occupa di eventi culturali, per i quali è responsabile dell'ufficio stampa e cura la comunicazione istituzionale di associazioni e confederazioni nazionali. La sua più grande passione è l’arte, ma adora anche il vintage e il teatro (dalla commedia all’opera).