21 minuti fa:Giuseppe Graziano: «Gli Ospedali Covid sono una catastrofe»
2 ore fa:Vaccinazioni a Vaccarizzo, il Sindaco: «Non alimentare l’odio sociale, la magistratura faccia chiarezza»
1 ora fa:Ora la priorità è svuotare i pronto soccorso: verso l'attivazione di 90 posti letto covid
18 minuti fa:La procura di Cosenza chiude il cerchio su un piromane: aveva dato fuoco a un'area boschiva in modo doloso
2 ore fa:A Cariati 64 positivi e 82 ordinanze di quarantene in corso
2 ore fa:Sanità in Calabria, De Magistris denuncia una «situazione gravissima al limite della tragedia»
2 ore fa:Crisi da coronavirus, Saccomanno (Lega): «La chiusura delle attività è stato un duro colpo per l’economia territoriale»
2 ore fa:Italia del Meridione, Flora Caruso nominata segretaria regionale Idm donne
1 ora fa:Pandemia in Calabria, Oliverio: «servono misure urgenti, concrete ed adeguate per far fronte alla gravità della situazione»
3 ore fa:Emergenza Covid «dati allarmanti». Guccione auspica una zona rossa per la provincia di Cosenza

Il Polo Covid del “Giannettasio” si amplia: 38 posti entro sabato

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - «La situazione è difficilissima ma stiamo facendo il possibile per venire a capo dell’emergenza sanitaria in atto». Così il commissario dell’Asp di Cosenza Vincenzo La Regina che stamani ha effettuato un sopralluogo tecnico nel presidio spoke “Giannettasio” di Corigliano-Rossano dove è operativo il Polo Covid dello Jonio.

A breve - già in giornata - le postazioni di degenza per i pazienti affetti da coronavirus all’interno del reparto diretto dal dottore Giovanni Malomo dovrebbero essere aumentate di 4 unità, passando dai 18 posti attuali a 22 in serata. Un potenziamento che dovrebbe, infine, completarsi entro sabato 10 aprile quando all’interno del nosocomio dovrebbero essere attivati, nel totale, ben 38 posti di degenza proprio per i malati Covid. Gli stessi che saranno insediati tutti al quinto piano della struttura dove in queste ore si stanno ultimando i lavori per trasferire il reparto.

L’obiettivo, però, sarebbe quello di attivare, oltre alla degenza ordinaria, anche qualche posto di terapia intensiva e sub-intensiva, essenziale per alleggerire il peso sulla struttura hub di Cosenza ed evitare, di fatto, che gli ospedali periferici diventino poco più di una “stazione di trasferimento”.

Non solo, la visita di stamani del commissario La Regina è stata l’occasione per fare il punto con i dirigenti medici. Alla riunione operativa hanno partecipato anche il direttore sanitario dell’Asp di Cosenza, Martino Rizzo, il dirigente dell’unità operativa di edilizia sanitaria dell’azienda, Antonio Capristo, i dirigenti medici del Pronto soccorso, Natale Straface, di Medicina, Luigi Muraca, ed il primario del reparto Covid, Giovanni Malomo.

«Stiamo approntando un’organizzazione – ha detto il commissario La Regina – che ci dovrebbe aiutare ad affrontare questa fase emergenziale. Innanzitutto abbiamo trasformato l’area medica dell’ospedale di Cetraro che ci ha consentito di ottenere, già ieri, altri 12 posti Covid ai 20 esistenti. A Breve, invece, con il potenziamento di Corigliano-Rossano avremo a disposizione altri 20 posti di pneumologia».

Non solo, la lotta al covid all’interno degli ospedali passa anche dall’assunzione di nuovo personale. A proposito, dovrebbero conoscersi a giorni gli esiti delle comunicazioni inoltrate proprio dall’Asp di Cosenza per il reclutamento di nuovi medici da destinare al supporto ospedaliero. A questo potrebbero aggiungersi nuove soluzioni per “liberare” spazi all’interno degli ospedali. «Insieme ai medici – ha detto La Regina – stiamo valutando la possibilità di poter far proseguire le cure mediche ospedaliere in regime domestico. Questo ci consentirebbe di dimettere, ad esempio, alcuni degenti dal reparto covid di Acri, che lavora sotto l’egida del reparto di Medicina di Corigliano».

Marco Lefosse
Autore: Marco Lefosse

Classe 1982, è schietto, Idealista e padre innamorato. Giornalista pubblicista dal 2011. Appena diciottenne scrive alcuni contributi sulla giovane destra calabrese per Linea e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizia a muovere i passi nei quotidiani regionali. Collabora con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 accoglie con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia, Genevieve Makaping, ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 scrive per Calabria Ora. Nell’aprile 2018 entra a far parte della redazione di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese. Dall’1 giugno del 2020, accoglie con piacere ed entusiasmo l’invito dell’editore di guidare l’Eco Dello Jonio, prestigioso canale di informazione della Sibaritide, con una sfida: rigenerare con nuova linfa ed entusiasmo un prodotto editoriale già di per sé alto e importante, continuando a raccontare il territorio senza filtri e sempre dalla parte della gente.