12 ore fa:Prossimamente in libreria il nuovo libro di Carlino: “Rossano e il suo Codex nella Letteratura”
10 ore fa:La Vignetta dell'Eco
14 ore fa:Sanità precaria, il grido di allarme di Corigliano-Rossano Pulita
10 ore fa:Le ali a Crotone, aspettando un sussulto dei nostri territori
15 ore fa:Cariati, al vaglio le candidature per la Commissione per le Pari Opportunità e Politiche di genere
16 ore fa:I Marcatori Identitari Distintivi come esperienza turistica competitiva
13 ore fa:Domani al Castello Flotta l'evento “La musica una compagna per tutta la vita”
15 ore fa:Nell’oasi di pace e relax Barbieri torna il format ‘Na birra nell'orto
14 ore fa:La Regione Calabria applica per la prima volta la legge che regolamenta le Lobby
10 ore fa:Verso le aziende agricole digitali anche nella Sila Greca

Scatta la mobilitazione di Coldiretti Calabria: «Basta cinghiali e fauna selvatica»

1 minuti di lettura

COSENZA - Cresce costantemente in tutta la regione, il numero di adesioni di agricoltori, cittadini, sindaci ed altri rappresentanti delle Istituzioni alla manifestazione della Coldiretti "Basta Cinghiali e fauna selvatica".

«Pur avendo registrato un apprezzabile  primo passo avanti dalla Giunta Regionale che ha deliberato l'approvazione delle "Linee guida del Piano straordinario per la gestione e il contenimento della fauna selvatica", proposto da tempo dalla Coldiretti. Continueremo ad andare avanti perché lo impone la gravità dell'emergenza cinghiali e fauna selvatica, da troppo tempo, fuori controllo, che interessa non soltanto gli agricoltori, ma anche i cittadini e investe la totalità dei comuni calabresi, dalle campagne ai centri abitati». 

Questo quanto dichiara Franco Aceto Presidente di Coldiretti Calabria e componente della Giunta Confederale.  

«Monitorare l'attuazione della delibera è essenziale. I cinghiali - precisa Aceto - hanno causato nell'ultimo anno danni all'agricoltura calabrese per circa cinque milioni di euro, devastando campi di grano, patate, mais, ortaggi e persino vigneti e frutteti. I danni causati dagli animali selvatici non vengono rimborsati se non in minima parte e spesso dopo molti anni, con una situazione che ha portato molti a rinunciare a denunciare gli attacchi subiti. Tra l'altro, i pochi indennizzi che arrivano, non coprono mai il reale valore del prodotto distrutto o dell'animale ucciso. Per fare un esempio, un produttore di vino pregiato che ha avuto la vigna devastata da cinghiali si vedrà risarcire solo il semplice valore dell'uva e così accade anche per altre colture». 

«A Coldiretti – spiega il leader di Coldiretti – sta, inoltre, a cuore la tutela del patrimonio suinicolo che conta in Calabria su oltre 5mila allevamenti, compresi quelli familiari, con circa 52mila capi di suini e al netto dei quattro salumi DOP, Coldiretti stima che il comparto della produzione di salumi, insaccati e carne di maiale, allevamento, trasformazione, trasporto e distribuzione, è di oltre 400 milioni di € generando tanti posti di lavoro. La direzione è quella giusta, ma Coldiretti - conclude Aceto - ha il dovere di accelerare i percorsi virtuosi, quindi il 18 giugno sarà in piazza».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.