Ieri:La Vignetta dell'Eco
6 ore fa:Corona Maestro d’Olio 2024: i fratelli Renzo tornano a casa con l’ambito riconoscimento 
9 ore fa:Corigliano-Rossano: «Apri siamo i Carabinieri» e poi lo accoltellano
13 ore fa:Auto contro motociclisti: due feriti nel violento scontro di Cassano Jonio
8 ore fa:Al via l'Estate a Sofferetti, tra fede e musica
10 ore fa:Il cassanese Luigi Pascale vince il premio America Giovani
11 ore fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie
7 ore fa:Chiusura nefrologia, Stasi: «Ennesimo disastro targato Graziano-Occhiuto»
Ieri:Verso le aziende agricole digitali anche nella Sila Greca
12 ore fa:Aggressione al vicino di casa e dinanzi agli agenti, assolto perché il fatto non sussiste

Scambio interculturale Serbia-Italia, grande successo per il progetto di Erasmus+ a Co-Ro

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - In questa settimana di esami di fine anno scolastico, la nostra città è stata protagonista di un progetto internazionale dedicato ai giovani europei: Erasmus + “Green Future” (avevamo parato anche qui).

«L’associazione Ruskia APS - riporta la nota - ha partecipato al bando europeo per giovani studenti. Un gruppo di 12 ragazzi provenienti dalla Serbia, accompagnati dal loro tutor, tutti facenti parte del gruppo folkloristico Hajduk Stanko, ha risposto al bando raggiungendo la Calabria per una esperienza all’insegna della sostenibilità. L’associazione ha preparato un interessante programma di visite guidate sul territorio (già molto ricco di iniziative ecosostenibili e di patrimoni naturali, storici e artistici) che hanno entusiasmato e affascinato i giovani ospiti. La Ruskia ha dato il via al progetto sostenibile ospitando i ragazzi in un villaggio green e proseguendo con attività e visite guidate sul tema: l’incontro con Giacomo Oriani, maresciallo dei Carabinieri della biodiversità in stazione presso l’Abbazia del Patire, le visite in aziende con strutture ecosostenibili, senza dimenticare il patrimonio storico, culturale e artistico in nostro possesso - il Codex Purpureus Rossanensis, il borgo artistico di Schiavonea e quello storico di Rossano, la gastronomia, le maestose chiese della nostra città, i lungomari e tanto altro ancora. Il principale obiettivo raggiunto è stato lo scambio interculturale tra i giovani italiani e gli ospiti serbi che ha portato consapevolezza al livello ambientale, educativo e sociale. Il gruppo folkloristico Hajduk Stanko ha omaggiato la nostra città con le loro straordinarie esibizioni in costume tradizionale serbo incantando il pubblico presente».

«Durante lo scambio interculturale sono state coinvolte grandi aziende del territorio (Azienda Agricola Favella, Ecoross, Cooperativa Agricola Morgia). Diverse le associazioni locali che hanno contribuito alla buona riuscita del progetto: Legambiente, Ingenio, Insieme per camminare, Appartè, Schiavonea e Sant’Angelo puliti, ALMA, Organizzazione di Volontariato Insieme. Da ringraziare anche gli sponsor che ci hanno supportato (i panifici Levante, Delizie del Grano, Themesen e il confettificio Tortora)».

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.