1 ora fa:Arriva il docu-film “I due viaggi di Francesco” sulla vita del Santo protettore della Calabria
2 ore fa:La Commissione Europea promuove col massimo dei voti la "Notte della Ricerca" Unical
13 ore fa:Il miraggio di un ospedale
7 minuti fa:ZES Unica: una svolta per il Mezzogiorno, tra innovazione e sviluppo sostenibile
4 ore fa:Anche oggi le piste di Lorica rimarranno chiuse a causa delle elevate temperature
1 ora fa:Il senatore Rapani (FdI) presenta un disegno di legge sul dissesto idrogeologico
14 ore fa:VOLLEY FEMMINILE - La Caffè San Vincenzo è vincente anche in Coppa Calabria
14 ore fa:Elezioni comunali a Co-Ro, il passo avanti di Azione che punta tutto su Mattia Salimbeni
2 ore fa:Il Pd di Co-Ro sull’alta velocità ferroviaria in Calabria: «Bisogna perseguire il progetto originario»
14 ore fa:Ad Alessandria del Carretto nasce il Museo alessandrino delle Maschere

Formazione per squadre forra e tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Calabria

1 minuti di lettura

CASTROVILLARI - Dal 24 al 26 novembre si è svolto un corso di formazione per i Tecnici delle squadre forra appartenenti ai Servizi Regionali di Calabria, Basilicata e Campania del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (Cnsas).

«La formazione, sotto la supervisione di due istruttori nazionali della Scuola Nazionale Tecnici Soccorso in Forra (SNaFor) ed un istruttore regionale forre (IRFor) del Cnsas Calabria, - riporta la nota - ha avuto come focus tecniche di soccorso e trasporto barella in forra. L'attività formativa si è svolta negli scenari della forra di Valle Scura nel comune di San Donato di Ninea (CS), della forra del Caldanello nel comune di Cerchiara di Calabria (CS) e della forra Vallone dell'Inferno nel comune di Sanza (SA). Il giorno 25 novembre si è tenuto, inoltre, il modulo formativo incentrato sulla "Gestione del Rischio Acquatico", rivolto ai tecnici alpini del Cnsas. Presenti i tecnici delle Stazioni Alpine Pollino e Sila Camigliatello del Cnsas Calabria. Il corso, tenuto sempre dagli istruttori della SNaFor, si è svolto presso il rifugio il rifugio Biagio Longo a Mormanno (CS) a gestione sezione Cai (Club Alpino Italiano) di Castrovillari».

«Questo modulo - cocnludono - rappresenta una componente essenziale della formazione, data l'importanza di saper gestire le emergenze che possono verificarsi su tutto il territorio nazionale, e che vedono il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) chiamato a intervenire anche al di fuori del proprio territorio regionale».

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.