16 ore fa:Studenti della Tieri in visita ai cantieri del nuovo ospedale. Occhiuto li rassicura: «Concluderemo i lavori entro la terza media!»
18 ore fa:Una delegazione di agricoltori calabresi pronti a partire per Bruxelles 
15 ore fa:Teatro, musica e cinema: l'Unical porta in scena un cartellone dal grande respiro artistico
17 ore fa:Amedeo Fusco racconta Frida Kahlo a Venezia
51 minuti fa:È morto Tonino Mundo, uno dei leoni socialisti dello Jonio
15 ore fa:“Linea Bianca” in Sila per una puntata dedicata ai tesori delle montagne calabresi
21 minuti fa:Tra le "Miglior Tesi di Laurea" della Iuav di Venezia c'è quella del rossanese Giulio Gigliotti
2 ore fa:Le Lampare Bjc lanciano un appello al Sindaco Minò contro la chiusura della rete ferroviaria jonica
16 ore fa:Unical: Sfiduciato il Presidente del Consiglio degli Studenti Gregorio Collia
19 ore fa:Igiene ambientale, Tavernise (M5S): «A Crosia si calpesta la dignità dei lavoratori»

A Vaccarizzo Albanese aprirà una nuova Rsa comunale

1 minuti di lettura

VACCARIZZO ALBANESE - «Si aprono nuove opportunità di lavoro a servizio del terzo settore; la Società cooperativa sociale Xenia ha avviato le procedure di reclutamento di Educatori Professionali (EP) e Operatori Socio-Sanitari (OSS) da impiegare nella nuova Residenza Sanitaria per Anziani (RSA) comunale che sarà operativa dal prossimo anno».

È quanto fa sapere il Sindaco Antonio Pomillo sottolineando la duplice importanza di questo servizio che garantirà da un lato assistenza specializzata alla Terza età e, dall’altro, sarà un’ottima opportunità occupazionale per giovani che hanno scelto di formarsi e specializzarsi rimanendo nel proprio territorio.

«L’attivazione della nuova RSA – aggiunge il Primo Cittadino – è un punto di partenza strategico per rispondere all’incessante esigenza di lavoro che, soprattutto nei territori dell’entroterra, può e deve essere soddisfatta proprio attraverso l’erogazione di nuovi servizi pubblici. La residenza sanitaria potrà ospitare un minimo di 20 anziani e sarà strutturata in due aree, quella dell’hospitality composta dalle degenze e un’altra, più importante  - sottolinea Pomillo – destinata alla socialità, con un ampio e confortevole refettorio, una zona per la cura della persona (visite mediche, manicure e pedicure), una piccola Cappella per la celebrazione della Santa Messa ed un salone ricreativo aperto sia ai familiari degli ospiti, sia all’organizzazione di attività con il territorio. La struttura è stata pensata come spazio inclusivo».

«Tra i servizi offerti - riporta in conclusione la nota -, oltre a quelli prettamente sanitari e legati alla ospitalità residenziale, come la palestra e le aree dedicate ai laboratori manuali e musicali, è prevista anche la creazione, per ogni ospite, di un Piano di assistenza personale integrato che sarà strutturato in base alle singole patologie dell’assistito e alle sue inclinazioni, consentendo così una facile integrazione e interazione tra gli ospiti della RSA. La struttura offrirà anche il servizio di ospitalità temporanea a tutte le persone che per diversi motivi non potranno essere assistite dai loro cari per un determinato periodo di tempo e non ultimo il servizio di assistenza a domicilio destinato esclusivamente agli anziani residenti a Vaccarizzo Albanese e che non vogliono allontanarsi dalla loro casa».

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.