9 ore fa:Dipartita di Angelo Donnici: ecco i messaggi di cordoglio in questo momento di dolore
6 ore fa:Castrovillari, torna il concorso delle "vetrine di Carnevale": la più bella vince un premio
8 ore fa:Nasce l’Assonautica della provincia di Cosenza: sottoscritto lo statuto costitutivo
7 ore fa:La bellezza dell'identità nell'era della fusione: la sfida di SosteniAmo
7 ore fa:La comunità slow food della Dolce di Rossano dona un quintale di olio evo alle suore del sacro cuore
8 ore fa:Ospedali Co-Ro, Rapani contro il “trasloco” dei reparti: «Serve organizzazione»
7 ore fa:Tutto pronto per il progetto di Poste Italiane "Polis - Casa dei Servizi digitali": ecco quando
9 ore fa:San Sebastiano, a Crosia la prima festa del protettore degli agenti di Polizia Locale
6 ore fa:«Il primo a mobilitarsi, l’ultimo a lasciare la protesta». Lenin Montesanto ricorda Angelo Donnici
8 ore fa: Randagismo, dal comune un contributo per la sterilizzazione dei cani di proprietà

La Calabria in corsa per la centrale di produzione di Idrogeno verde a servizio del trasporto ferroviario e stradale

1 minuti di lettura

COSENZA - Ferrovie della Calabria e il Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Energetica e Gestionale dell’Università della Calabria si associano alla soddisfazione espressa dalla Regione Calabria per la candidatura al bando Pnrr – M2C2 Linea di investimento 3.4 per la realizzazione e la sperimentazione della Centrale di produzione di Idrogeno verde a servizio del trasporto ferroviario e stradale.

Questa rappresenta una prima tappa fondamentale raggiunta grazie ad una continua collaborazione tra Ferrovie della Calabria, Dimeg e Regione Calabria che pone la ricerca sperimentale applicata sul territorio una realtà anche nella nostra Calabria.

«Come gruppo di Sistemi Elettrici per l’Energia - riferisce Anna Pinnarelli, referente scientifico della consulenza, dell’Unical - siamo soddisfatti per tutto lavoro svolto in quest’ultimo anno. Soddisfazione che ci fa andare avanti con nuovi progetti correlati che hanno come obiettivo lo sviluppo di modelli e soluzioni tecnologiche che supportino la transizione energetica e, nel caso specifico, l’intera filiera dell’idrogeno green, dalla produzione alla distribuzione e alla conversione in energia elettrica e quindi l’integrazione nel mercato e nel sistema energetico delle tecnologie per la produzione/conversione della risorsa idrogeno».

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.