2 ore fa:Situazione grave nella Sanità calabrese, “De Magistris Presidente” appoggia lo sciopero dell’Usb
46 minuti fa:Discarica Scala Coeli, veto della Ferrara: «Nessun ampliamento senza Green New Deal»
3 ore fa:Il “Movimento per la Vita” di Co-Ro compie 36 anni: da marzo diversi appuntamenti per celebrare l’evento
26 minuti fa:Da tre anni la stessa storia: cancelli di Bucita chiusi e lo spauracchio di una nuova emergenza rifiuti alle porte
4 ore fa:Nasce la Confederazione Pasticceri italiani Calabria: «Una bella e dolce realtà»
3 ore fa:Mensa a Co-Ro, per il sindaco «il benessere degli studenti è al primo posto» e revoca il servizio in atto
1 ora fa:Da Cassano un appello per rilanciare e potenziare la rete oncologia territoriale
1 ora fa:Truffe online, poche e semplici regole per evitare spiacevoli sorprese e salvaguardare il nostro conto
2 ore fa:«Rilanciare la sede Inrca di Cosenza» è l’appello di Loizzo (Lega) al presidente Occhiuto
16 ore fa:Cariati, studenti in piazza per ricordare l’Olocausto e allontanare ogni forma di discriminazione

L’ex Tribunale di Rossano pronto a ritornare in vita. C’è un’idea per il riutilizzo

2 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO – Hanno tutti le bocche cucite e nessuno si sbilancia in dichiarazioni ufficiali, la notizia però è certa e manca solo di ufficialità: la sede dell’ormai ex Palazzo di Giustizia di Rossano avrà presto nuova vita.

Da qualche settimana, infatti, all’interno dell’imponente immobile di piazza Santo Stefano, nel centro storico, ci sono squadre di operai in movimento sulla cui attività vige il più totale riserbo. Da ultimo si è lavorato sul cablaggio telefonico ed elettrico. Essendo una struttura pubblica nulla di particolarmente sconvolgente. Se non fosse, però, che quei lavori così minuziosi e dettagliati servono per tenere in vita uffici funzionanti e non per uffici ormai chiusi da otto anni e al momento inutilizzati.

Non sappiamo cosa si stia muovendo e in che direzione. Sappiamo, però, che a breve il “palazzaccio” di Corigliano-Rossano sarà destinato ad un nuovo uso.

Andiamo per esclusioni. Sicuramente non verrà riaperto il tribunale. E questo, a meno che tutto il firmamento dello Stato ed il Governo non rinsaviscano d’un tratto, appare – purtroppo - ovvio e scontato.

Probabile, però, che all’interno dell’ex Palazzo di Giustizia vengano trasferiti gli uffici del Giudice di Pace anche nell’ottica di un ormai possibile accorpamento con gli uffici di Corigliano.

Altra cosa certa è che all’interno di quello stabile non verrà trasferita la sede del grande comune di Corigliano-Rossano, che al contrario – per norma della legge sulla fusione – ha sede nell’area urbana accorpante più grande. E quindi a Corigliano. Tra l’altro, di recente sono stati anche completati i lavori di restyling di Palazzo Bianchi nel centro storico ausonico dove oggi, appunto, ha sede il comune di Corigliano-Rossano.

E, allora, quale sarà la destinazione d’uso (perché una destinazione d’uso l’avrà) dell’ex palazzo di giustizia? Nonostante al suo interno sia ancora custodito parte dell’archivio storico giudiziario rossanese e il Ministero della Giustizia pare non abbia ancora completamente lasciato il palazzo, la struttura è di proprietà del comune e quindi può disporne come vuole.

Ci sono delle idee al vaglio dell’Amministrazione comunale che a breve (forse già nel prossimo anno) potrebbero prendere forma. Tra queste idee, anche se adesso sembrerebbe la più remota e poco praticabile (per una serie di motivi legati alla logistica e all’organizzazione), c’è quella di insediare all’interno dell’immobile una futuribile sede distaccata dell’Università. Era già il pallino di qualche ex amministratore ma che oggi non sembra proprio la via ideale da percorrere. Del resto, ci potrebbero essere altre sedi più idonee per un tale nobile scopo.

La via più accredita, allora, è quella di destinare la struttura a servizi istituzionali o comunque attinenti all’ambito della giustizia. All’interno dell’ex Tribunale ci sono parcheggi sotterranei, ci sono stanze di isolamento, spazi per uffici ed altre aree da destinare a spazi tecnologici. Insomma, un piccolo fortino. Che potrebbe essere utilissimo e ideale per una forza militare o di polizia.

Stesso dicasi per l’altra struttura attinente (in quella in cui ha attualmente sede il Giudice di Pace) che ha simili conformazioni.

E se fosse davvero questa la destinazione d’uso dell’ex tribunale di Rossano? Una grande caserma da mettere a disposizione del Commissariato di Polizia piuttosto che del neonato Reparto territoriale dei Carabinieri (dove l’attività investigativa si è amplificata) o, perché no, della Compagnia della Guardia di Finanza di Corigliano-Rossano. Al momento resta la pista più accreditata che – da quanto si apprende da fonti romane – sarebbe già al vaglio dei diversi ministeri interessati.

Intanto i lavori nell’ex Palazzo di Giustizia vanno avanti e speriamo siano forieri di una rinascita del presidio e del quartiere Santo Stefano sul quale, da quando arrivò la scure della Riforma Giudiziaria, si sono spenti tutti i riflettori.     

Marco Lefosse
Autore: Marco Lefosse

Classe 1982, è schietto, Idealista e padre innamorato. Giornalista pubblicista dal 2011. Appena diciottenne scrive alcuni contributi sulla giovane destra calabrese per Linea e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizia a muovere i passi nei quotidiani regionali. Collabora con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 accoglie con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia, Genevieve Makaping, ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 scrive per Calabria Ora. Nell’aprile 2018 entra a far parte della redazione di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese. Dall’1 giugno del 2020, accoglie con piacere ed entusiasmo l’invito dell’editore di guidare l’Eco Dello Jonio, prestigioso canale di informazione della Sibaritide, con una sfida: rigenerare con nuova linfa ed entusiasmo un prodotto editoriale già di per sé alto e importante, continuando a raccontare il territorio senza filtri e sempre dalla parte della gente.