2 ore fa:Il comune di Civita si unisce al cordoglio per la perdita di Lorenzo Francomano
4 ore fa:Nefrologia, Sapia rilancia: «L'Asp bandisca un concorso per potenziare l'organico»
8 ore fa:Il Comprensivo di Crosia primo in Italia alla richiesta di finanziamento per mobilità discenti e personale dell'Istruzione
3 ore fa:Si è insediato il nuovo Prefetto di Cosenza Rosa Maria Padovano
3 ore fa:Il convegno su Autonomia Differenziata tra il ravvedimento di Occhiuto e l'assenza dei sindaci calabresi
5 ore fa:Tutta la Calabria del nord-est in preda alle fiamme: incendi da Oriolo a Paludi
6 ore fa:Autonomia Differenziata, in Calabria nasce il coordinamento per il referendum
6 ore fa:Gettate le basi per la collaborazione tra il Palma e la Biblioteca “Carmine De Luca”
7 ore fa:Stasi: «Graziano parla di una sanità che esiste solo nella sua testa»
3 ore fa:Un Biologo alla guida del Polo Liceale di Rossano

Franz Caruso: «Mi batterò per salvare il teatro Rendano»

1 minuti di lettura

COSENZA - «Il depauperamento e lo svilimento del Teatro Rendano, cuore pulsante della cultura cosentina e calabrese, è una ferita che occorre rimarginare immediatamente a tutela delle nostre radici, della nostra storia, del prestigio stesso della città di Cosenza. Non è ammissibile che si lasci decadere una struttura che ha rappresentato e rappresenta il Rinascimento cosentino, testimone della dinamicità e del fermento culturale del nostro territorio».

È quanto afferma l'avvocato Franz Caruso, candidato a sindaco di Cosenza, preoccupato per il rischio palese per il Rendano di perdere il riconoscimento di Teatro di Tradizione ottenuto nel 1976 «per la qualificata attività culturale e artistica svolta» e per il particolare impulso alle locali tradizioni artistico-musicali.

«L'assenza di una programmazione culturale degna di questo nome – prosegue Caruso – e la mancanza di una visione futura per il teatro Rendano, privo, peraltro, di una Direzione Artistica, rischiano di far perdere alla storica e prestigiosa struttura ed a ciò che essa esprime in termini culturali, il riconoscimento di teatro di Tradizione. Una ipotesi drammaticamente possibile che, però, dobbiamo evitare ad ogni costo e rispetto alla quale si stanno già muovendo ampi settori della società civile, promuovendo anche delle petizioni online condivisibili ed apprezzabili, che testimoniano il desiderio di rinascita e di riscatto di una intera comunità».

«A queste testimonianze – aggiunge - rivolgo i miei apprezzamenti più sinceri e sentiti, condividendo l'ambizione e l'aspirazione di far tornare Cosenza ad essere l'Atene del Sud. Un obiettivo che dovremo e potremo raggiungere solo ripartendo dal nostro Teatro Rendano e da tutte le altre strutture, siti e tesori artistici, che in questi anni sono state ignorate ed abbandonate a se stesse e che, invece, per come ho sempre pensato, devono essere custodite, protette e valorizzate».

«Per quanto riguarda in particolare il teatro Rendano, che oggi rappresenta una delle più importanti emergenza cittadine, poiché indica la grave crisi culturale in cui versa la città – conclude Caruso – ho già investito della problematica il senatore Riccardo Nencini, nella sua qualità di Presidente della commissione Cultura in senato, per ricercare tutte le soluzioni possibili al fine di salvaguardare l'importante e storica istituzione culturale cittadina. Al contempo, già nei prossimi giorni promuoverò una serie di incontri con quanti intendono portare avanti questa battaglia».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.