3 ore fa:L’autunno in Calabria: un miriade di colori e profumo di funghi e di castagne
3 ore fa:Il Concorso nazionale Turismo dell'Olio passa per Co-Ro: ecco come partecipare
46 minuti fa:Rincaro biglietti Trenitalia, scendono in campo anche i pentastellati Tavernise e Baldino
1 minuto fa:Scuola-lavoro, si intensifica la rete di soggetti attuatori: Yes I Start Up Calabria in cima alle classifiche nazionali
1 ora fa:Al via domenica 2 ottobre il secondo Trofeo Pollino Skiroll
2 ore fa:Di carne o di melanzana, bianche o al sugo: le polpette per un giorno protagoniste sul New York Times
3 ore fa:Caro carburante e caro energia: triplicano i costi dei biglietti dei treni. Il dramma dei pendolari calabresi
1 ora fa:La Cipolla Bianca di Castrovallari e il Cardonecello di Capotenese arrivano al Salone del Gusto
13 ore fa:Incidente su via Provinciale a Corigliano scalo: c'è un morto
31 minuti fa:Caos urne, quattro sezioni di Co-Ro sotto l’occhio vigile della Commissione elettorale

Alla scoperta dell'antica leggenda che lega la Valle del Colognati a Sant'Onofrio

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - Una cerva, un gruppo di cacciatori, un uomo nudo e barbuto. La seconda e ultima parte del viaggio di Natalino Stasi nell'antica festa di Sant'Onofrio, nella Sila greca, a Corigliano-Rossano. Questa volta andiamo alla scoperta della leggenda che lega quello straordinario luogo immerso nella Valle del Colognati al Santo protettore dei pastori. Non solo andremo alla riscoperta della tarantella della Sila greca e di un particolare archibugio che anima le feste popolari di questa zona

Natalino Stasi
Autore: Natalino Stasi

Videomaker, classe 1990, orgogliosamente longobucchese. Natalino Stasi è diventato con i suoi video, un appuntamento fisso su youtube. Nelle sue corde ci sono le storie della Calabria che racconta puntualmente attraverso l'obiettivo della sua camera: dalla statale 106 ai mestieri che vanno scomparendo. Un modo per raccontare da un altro punto di vista e in maniera "nuova e alternativa" i lati della nostra regione che spesso vengono dimenticati