3 ore fa:Occhiuto: «Sulla statale 106 ci auguriamo migliorie in Parlamento»
5 ore fa:Mormanno, chiesto impegno al Commissario dell'Asp Graziano per l'Ospedale di Comunità
5 ore fa:Olio di Calabria Igp incontra Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori
6 ore fa:Co-Ro, il Comune pronto ad acquisire un altro bene confiscato: un immobile sito in via Cardame
4 ore fa:Nel mentre si tenta di “uccidere” la fusione, si recuperano soldi persi dalle gestioni degli estinti comuni
6 ore fa:Land art, trasformare la collina dei Tre Piani di Lauropoli in un “museo a cielo aperto”
4 ore fa:"Bamp Cinema - Un solo frame dall'Adriatico al Tirreno" arriva in Calabria
4 ore fa:Mensa Co-Ro, genitori e docenti chiedono convocazione commissione
3 ore fa:Statale 106, muore investita una 31enne a Calopezzati. Si sarebbe lanciata contro un’auto
6 ore fa:Morano, l'assise cittadina approva importanti modifiche allo Statuto e al Regolamento del Consiglio

Sant'Onofrio, una delle feste pastorali più antiche e misteriose della Calabria ionica

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - È maggio e Corigliano-Rossano da sempre si tinge di tradizioni. Ci sono le escursioni primaverili nel Coriglianeto, c'è la festa della Madonna del Patire che abbraccia da secoli le due comunità coriglianese e rossanese. Poco più in la del Patire, sulle alture della Sila Greca, nella Valle del Colognati, la terza domenica del mese si svolge quella che, probabilmente, rimane la più antica delle celebrazioni religiose pastorali della Calabria ionica. Stiamo parlando della festa di Sant'Onofrio. Una festa mistica, quasi ancestrale che si perde tra miti e leggende ma che conserva intatte tradizioni e identità. I pastori che si ritrovano attorno all'effige del Santo; le preghiere e l'incanto; i giochi e il bastone "e ru maio"; i canti e le litanie. Gli obiettivi di Natalino Stasi sono andati proprio lì, a raccontare questa storia infinita attraverso le parole e i ricordi del decano dei pastori: Ottavio Vallonearanci 

Natalino Stasi
Autore: Natalino Stasi

Videomaker, classe 1990, orgogliosamente longobucchese. Natalino Stasi è diventato con i suoi video, un appuntamento fisso su youtube. Nelle sue corde ci sono le storie della Calabria che racconta puntualmente attraverso l'obiettivo della sua camera: dalla statale 106 ai mestieri che vanno scomparendo. Un modo per raccontare da un altro punto di vista e in maniera "nuova e alternativa" i lati della nostra regione che spesso vengono dimenticati