10 ore fa:Monitoraggio costante e Ministero della Salute confermano: a Cariati acque balneari eccellenti
14 ore fa:Sanità, Pasqualina Straface: «Basta revisionismi»
11 ore fa:Estate internazionale del folklore e del Parco del Pollino: svelata l'immagine ufficiale della 38^ edizione
12 ore fa:Treno-shuttle Sibari-Crotone, la Regione fa orecchie da mercante: «Disegno per non far decollare il Sant'Anna»
16 ore fa:Parte l'iniziativa per dire NO all'autonomia differenziata
14 ore fa:Successo al MuMam per la seconda edizione di "Note sotto le stelle"
11 ore fa:La comunità coriglianese piange la scomparsa del professore Pietro Paolo Mezzotero
15 ore fa:Auto si ribalta sulla Sibari-Firmo: ferito il conducente
16 ore fa:Confagricoltura e Fee assegnano le Spighe Verdi: anche Crosia tra i 7 comuni calabresi premiati
15 ore fa:Presentazione del libro "Spartenze": un evento di rilievo con il Senatore Ernesto Rapani

Salimbeni (Azione), riapre la questione stemma e gonfalone della Città Unica

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - Il consigliere comunale Mattia Salimbeni torna sulla questione stemma e gonfalone della Città Unica che «pare essere caduto, di nuovo, nel limbo del dimenticatoio», che «nella speranza di rianimare il dibattito», ha presentato  una interrogazione consiliare sul tema. 

«All'epoca - ricorda il consigliere comunale Mattia Salimbeni - vinse la proposta più confacente alle prescrizioni dell'araldica, secondo una valutazione tecnica fatta da una commissione appositamente istituita di esperti in araldica e storia delle istituzioni, ma di fatto non venne definitivamente scelto il nuovo stemma e il nuovo gonfalone della Città: il percorso è ancora lungo e dovrà necessariamente essere partecipato».

«Tuttavia, la risposta alle oggettive difficoltà nell'individuare il nuovo stemma comunale non può e non deve essere l'inerzia. Anzi, bisogna immediatamente - continua - riprendere il percorso iniziato lo scorso settembre e portarlo a compimento. Speravo si potesse aprire un dibattito consiliare ed invece, anche questa volta, dinanzi alle difficoltà, e alle scelte impopolari per definizione, l'amministrazione comunale scappa dal confronto, preferendo ripiegare sull'ordinario e sulla solita e stucchevole esaltazione del nulla».

«Per quanto mi riguarda, ritengo necessario - ribadisce Salimbeni - trovare un nuovo stemma che faccia sentire ogni singolo cittadino pienamente rappresentato dai simboli della propria Città. Allo stesso tempo sono convinto che Corigliano-Rossano possa essere rappresentata anche da una simbologia nuova, che possa integrare i simboli già presenti nei due vecchi stemmi comunali e, allo stesso modo, escluderei a priori proposte divisive che non rispettano adeguatamente la storia delle due gloriose Città di Corigliano Calabro e Rossano».

«Come gruppo consiliare, abbiamo presentato una richiesta di Consiglio comunale monotematico sui Municipi e sulle forme di decentramento amministrativo: altro tassello fondamentale della Città Unica sul quale, a quattro mesi dal voto, ancora tutto tace. È impensabile apprestarci al voto senza una disciplina esatta in materia di Municipi e faremo il possibile affinché la Città possa presto dotarsi di questo importante strumento democratico» conclude.

Luigia Marra
Autore: Luigia Marra

Mi sono diplomata al Liceo Classico San Nilo di Rossano, conseguo la laurea in Lettere e Beni Culturali e successivamente la magistrale in Filologia Moderna presso Università della Calabria. Amo ascoltare ed osservare attentamente la realtà di tutti i giorni. Molto caotica e confusionaria, ma ricca di storie, avvenimenti e notizie che meritano di essere raccontate.