5:01 pm:Recovery Plan, Bruno Bossio (Pd): «Basta con lo stereotipo della Calabria tradita»
6:01 pm:Incontro Regione sulla SS106, Sindaci dello Ionio chiedono di partecipare
6:01 pm:Lo spoke di Corigliano-Rossano "sperimenta" l'attività di aritmologia. Impiantati i primi loop recorder
4:01 pm:Bevacqua attacca la Moratti: «Ignobile chiedere di distribuire i vaccini in base al Pil»
4:01 pm:Rapani: «Parlamentari del M5s? Buoni solo a scaldare il banco. SS106 assente nel Recovery plan»
6:01 pm:SS106, Pugliese: «Al sud le infrastrutture sono commissariate ma al nord prendono il via»
5:00 pm:Ritardo consegna vaccini. Sindaco di Amendolara scrive alla Pfizer a New York
3:15 pm:Mazza: «Nell’Alto Jonio ci cavano gli occhi e ci preoccupiamo di preservare le ciglia»
3:06 pm:Altomonte, per il centro storico previsti riqualificazione e ricerca di un brand
5:01 pm:Crosia, pronta a ripartire anche la mensa scolastica

Schiavonea: «Tanti cittadini e piccoli pescatori delusi da una fusione mai decollata»

1 minuti di lettura
«Dopo l’eccezionale mareggiata splende un sole rassicurante, ma non si può dimenticare lo scenario che ha lasciato non solo sgomenti, ma feriti nel profondo per i danni subiti. E ancora di più ferisce lo stato di abbandono con nessun intervento significativo da parte della grande “città territoriale”». Queste sono le dichiarazioni di Salvatore Martilotti, presidente del Comitato Pescatori Calabria. Lo stesso ricorda quanto non sia agerato dire che tanti cittadini e  piccoli pescatori di Schiavonea sono diventati il simbolo della delusione di una fusione mai decollata, per quelle che, malgrado tutto, sono ancora le ambizioni di riscatto di un territorio spogliato e depredato. «Qui, nella zona marina, tutti i “fusionisti” sognavamo di contribuire ad aprire un nuovo corso di sviluppo e occupazione per il nostro territorio fatto di nuove opportunità, in particolare, per i giovani. Ma, purtroppo, fino ad oggi non siamo andati in questa direzione». In questo contesto Schiavonea è una delle identità più significative della nuova “Città territoriale”, e con il mare, il porto, la spiaggia e la fascia costiera, ma anche il Santuario della Madonna Nera, il borgo marinaro, il quadrato Compagna e i suoi pescatori e gli operatori dell’economia ittica, avrebbe potuto e potrebbe ancora rappresentare uno dei motori dell’economia del nostro territorio per contribuire a creare sviluppo e occupazione. Martilotti lancia l’allarme: «A Schiavonea, oggi, si tocca quasi con mano la profonda delusione di gran parte dei marinari. La nostra è una realtà che vive di mare e spesso “gli umori sono dovuti anche ai cambiamenti climatici” e così, dopo l’eccezionale mareggiata, nessuno mai poteva immaginare una tale disattenzione. E poi che dire anche per i mancati interventi a sostegno dell’economia locale, al carente decoro urbano e alla mancanza di servizi ai cittadini? Insomma, al momento, - continua Salvatore Martilotti - con tutta la buona volontà, non possiamo che registrare solo delusione per le continue emergenze nella “comunità marinara”. Poi a parlare di futuro c’è sempre tempo, magari lo si farà nella prossima campagna elettorale». Il presidente del Comitato Pescatori Calabria conclude: «Con molto pragmatismo il Comune di Corigliano-Rossano dia un segnale concreto risolvendo le due questioni più urgenti e non più rinviabili: Il mercatino ittico al consumo e la sistemazione della flottiglia artigianale sulla spiaggia antistante il borgo marinaro. Noi – conclude Salvatore Martilotti - continueremo a sostenere questi lavoratori del mare laboriosi, intraprendenti e, soprattutto, rispettosi dei valori che da sempre appartengono alla nostra Comunità costiera per assicurare la continuazione di un lavoro decente in armonia con lo sviluppo sostenibile della pesca».
Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.