12 ore fa:Le ali a Crotone, aspettando un sussulto dei nostri territori
14 ore fa:Prossimamente in libreria il nuovo libro di Carlino: “Rossano e il suo Codex nella Letteratura”
17 ore fa:Nell’oasi di pace e relax Barbieri torna il format ‘Na birra nell'orto
12 ore fa:La Vignetta dell'Eco
18 ore fa:I Marcatori Identitari Distintivi come esperienza turistica competitiva
16 ore fa:Sanità precaria, il grido di allarme di Corigliano-Rossano Pulita
16 ore fa:La Regione Calabria applica per la prima volta la legge che regolamenta le Lobby
15 ore fa:Domani al Castello Flotta l'evento “La musica una compagna per tutta la vita”
12 ore fa:Verso le aziende agricole digitali anche nella Sila Greca
17 ore fa:Cariati, al vaglio le candidature per la Commissione per le Pari Opportunità e Politiche di genere

Autonomia differenziata, Greco accusa Occhiuto: «Non è stato né leale né benevolo con la sua gente. Ha scelto gli interessi del Nord»

1 minuti di lettura

COSENZA- «C'è un modo diverso, molto più incisivo e virile, per mostrare vero dissenso nei confronti dell’autonomia differenziata. Autosospendersi dal proprio partito che, insieme agli altri, ha generato questo mostro. Consiglio questo ai "nostri" rappresentanti politici e istituzionali che, post mortem, piangono lacrime da coccodrillo. Uscite dal vostro partito. Vale per sindaci, presidente dei sindaci, consiglieri e assessori regionali, parlamentari e perché no, anche per il presidente della Regione. Siete davvero contro questo disegno di legge? Dimostratelo per davvero, altrimenti, francamente, il sospetto della protesta di facciata prende inevitabilmente il sopravvento...».

Così, in una nota, Filomena Greco, già sindaco di Cariati per due mandati e candidata al Parlamento europeo con Stati Uniti d'Europa.

«Questi sindaci e politici di Calabria che oggi "piangono" e protestano - continua Filomena Greco - sono gli stessi che due settimane fa hanno chiesto e ottenuto voti in giro per i partiti protagonisti dell’autonomia differenziata. Non basta una nota di dissenso, uscire dall’Aula al momento del voto o persino sventolare la bandiera della Calabria, immaginando che qui si abbia tutti l’anello al naso. Ognuno dei nostri rappresentanti di Calabria ha giocato e sta giocando una partita solo di tornaconto personale in questa faccenda. Che è grave e drammatica per i calabresi e occorre avere il coraggio di dire la verità fino in fondo. Chi ha chiesto voti in giro per la Calabria ha spiegato ai sindaci che tra qualche mese i loro municipi saranno prossimi al dissesto? È stato detto loro che per alcune materie il decreto Calderoli è operativo sin da subito e si tradurrà in minori trasferimenti di risorse dello Stato? Ci si è resi conto che giocando con la pelle dei calabresi e dei meridionali pur di conquistare qualche scheda elettorale si è di fatto svenduto il Sud agli interessi egoistici del grande Nord?».

«Il presidente Roberto Occhiuto non è stato né leale né benevolo con la sua gente. Ha prima approvato da presidente di Regione la proposta di legge nella Conferenza Stato Regioni, poi ha chiesto voti per il suo partito protagonista tra gli altri dello scempio e oggi vorrebbe persino capitanare una specie di inguardabile rivolta. No, caro Occhiuto - conclude Filomena Greco -. Proprio tutto non si può avere e non può essere concesso. Ha scelto una strada, quella degli interessi del grande Nord. I calabresi non sono ingenui, hanno capito. Sapranno per cosa ricordarla».
 

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.