3 ore fa:VOLLEY MASCHILE - Domani la Finale Regionale Under 19
17 minuti fa:Eventi sismici e piani di Protezione Civile: a che punto è la Calabria?
5 ore fa:Amendolara sale in cattedra all'Università di Pisa
37 minuti fa:Polizia Municipale, a Cariati sei nuovi agenti
2 ore fa:Patto di Stabilità, per Ferrara (M5s) «soffocherà i cittadini. Votarlo significa tradire l'Italia»
2 ore fa:Trebisacce, tutto pronto per il concorso letterario "Il Liceo dona"
3 ore fa:Francesco Paolantoni chiude la stagione teatrale di Cassano Jonio
4 ore fa:Perciaccante: «Poter sentire lo Stato al fianco degli imprenditori è molto importante»
5 ore fa:A Cassano Jonio «il disastro della sanità è sotto gli occhi di tutti»
1 ora fa:Tradizioni, cresce l'attesa per l'infiorata in onore di San Francesco

Fusione Cassano-Castrovillari, quali sono le reali motivazioni alla base di questo lungimirante progetto?

2 minuti di lettura

CASTROVILLARI - «È di questi giorni la notizia, mezzo stampa, che si sta lavorando per la fusione di Cassano-Castrovillari, creando così un nuovo asse nella zona Sibaritide – Pollino. Un progetto ambizioso quello proposto dal sindaco di Cassano Jonio, Gianni Papasso, che ben fa a guardarsi intorno, per creare alleanze non solo politiche ma sinergie economiche, strutturali e culturali».

È quanto si legge in una nota stampa di Italia del Meridione che così continua: «Il tema della fusione e delle unioni dei comuni è sempre più presente nel confronto pubblico/istituzionale, c’è chi ne sottolinea i lati negativi come nel caso di Corigliano – Rossano e c’è invece chi lo esalta, soprattutto chi lo ha sperimentato nei comuni del Nord.

LItalia del Meridione, da parte sua, ha da sempre sostenuto la necessità di unampia riforma del sistema delle autonomie locali e lo stesso fondatore Orlandino Greco da consigliere regionale è stato depositario di una proposta di legge sul riordino territoriale delle circoscrizioni comunali con la volontà di mettere in campo non solo strumenti di incentivazione economica, soprattutto per laggregazione dei piccoli comuni, ma riscrivendo le regole regionali che disciplinino la fusione dei Comuni nellambito di una più ampia riforma del sistema delle autonomie locali calabresi».

«Le infrastrutture stradali disastrate, gli scarsi fondi per il sociale, le disattenzioni economiche verso la scuola e la sicurezza municipale, l'assenza della manutenzione infrastrutturale, le opere incompiute, la trascuratezza del trasporto pubblico locale, lincapacità di avviare progetti innovativi e la mancanza di servizi di prima istanza costituiscono i gap di funzionamento dei Comuni, favoriti dalla eccessiva frammentazione amministrativa municipale, generatrice di una crescente polverizzazione delle risorse disponibili, nei confronti della quale occorre opporre un complesso organico di norme funzionali ad assicurare un corretto riordino territoriale.

IdM si batte da tempo per colmare i divari tra Nord e Sud, ma a ben vedere nella stessa Calabria esistono divari profondi dovuti alla morfologia dei territori, alle tradizioni locali, alle vocazioni naturali dei territori perché ogni territorio è legato alla sua storia e alle sue tradizioni».

«I vertici di Italia del Meridione hanno espresso in diverse occasioni la posizione favorevole ai processi di fusione, così come è stato più volte sottolineato il no” alla gestione avventata, a freddo e non programmata di questi processi. Non può essere lesempio di Corigliano e Rossano ad imprimere unaccelerata a una qualsiasi altra fusione relativa ad una realtà territoriale completamente differente, ogni processo di conurbazione ha una sua storia, un suo percorso. Come del resto non può esserlo nemmeno la prospettiva di coprire buchi di bilancio con contributi economici una tantum, non è certo così che si risana la struttura economica di un ente locale».

«La fusione tra comuni è un processo sociale complesso che influenza il valore identitario dei luoghi e delle comunità, offre nuovi scenari di crescita e di sviluppo, riscrive lorganizzazione amministrativa degli enti locali e si pone come ponte di collegamento tra passato e futuro, tra unione e unità, tra autonomia e condivisione. Vogliamo, pertanto, rivolgere un formale invito al primo cittadino della Città di Cassano Jonio per un confronto politico e di discussione, per capire quali siano le reali motivazioni alla base di questo lungimirante progetto che coinvolgerebbe la nostra città di Castrovillari».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.