7 ore fa:Corigliano-Rossano fa scuola di “buone pratiche”
6 ore fa:Manovra finanziaria, la Cisl chiede modifiche su investimenti, pensioni, politiche dei redditi e sanità
6 ore fa:Per Stasi la fusione «ha sconvolto assetti di potere e sistemi di convenienza radicati»
2 ore fa:Ramificazioni Festival, continuano gli appuntamenti della danza d'autore
6 ore fa:Dopo quasi 40 anni tornano in Calabria tre rotabili d’epoca di inestimabile valore
4 ore fa:Urbanistica, consumo di suolo zero e città verticali inesistenti: questo Psa è un piano fallimentare
5 ore fa:Torna "Retake" con un nuovo appuntamento a tema natalizio: "Com' nu presep"
5 ore fa:Olivo sugli eventi natalizi: «Iniziative annunciate solo 24h prima. Nessuna programmazione e zero marketing»
3 ore fa:Il rossanese Luigi Canotto è il miglior giocatore della Serie b del mese di novembre
4 ore fa:Quando piove e "vengono a galla" tutti i problemi di un territorio

Inserire i condannati per droga in circuiti diversi dal regime carcerario

1 minuti di lettura

COSENZA - «Inizierò una serie di visite nelle carceri calabresi per verificare lo stato di vivibilità e trasmettere al ministro Nordio la fotografia reale della situazione esistente».

Lo afferma l'on Simona Loizzo deputato della Lega.

«Ho più volte manifestato solidarietà agli agenti di polizia penitenziaria che svolgono un lavoro durissimo - dice Loizzo - e che vanno tutelati. Allo stesso modo i detenuti hanno il diritto di scontare la pena in condizioni di vivibilità e sempre partendo dal presupposto costituzionale di recupero e riabilitazione reso quasi impossibile dal sovraffollamento».

«Ci sono questioni legislative da affrontare per le pene alternative - aggiunge - e c'è la buona proposta di Gratteri dì inserire tanti condannati per droga in circuiti diversi dal regime carcerario. Nella mia formazione politica non verrà mai meno la tradizione culturale e giuridica italiana che, insieme alla giusta certezza della pena pone la questione non secondaria della reclusione come momento di recupero sociale».

«Spero di poter dare un contributo positivo al dibattito e dì raccogliere le testimonianze di agenti e detenuti - conclude Loizzo - accomunati spesso dallo stesso destino».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.