1 ora fa:Discarica Scala Coeli, veto della Ferrara: «Nessun ampliamento senza Green New Deal»
4 ore fa:Mensa a Co-Ro, per il sindaco «il benessere degli studenti è al primo posto» e revoca il servizio in atto
3 ore fa:Situazione grave nella Sanità calabrese, “De Magistris Presidente” appoggia lo sciopero dell’Usb
1 ora fa:Da tre anni la stessa storia: cancelli di Bucita chiusi e lo spauracchio di una nuova emergenza rifiuti alle porte
4 ore fa:Il “Movimento per la Vita” di Co-Ro compie 36 anni: da marzo diversi appuntamenti per celebrare l’evento
17 ore fa:Cariati, studenti in piazza per ricordare l’Olocausto e allontanare ogni forma di discriminazione
2 ore fa:Truffe online, poche e semplici regole per evitare spiacevoli sorprese e salvaguardare il nostro conto
3 ore fa:«Rilanciare la sede Inrca di Cosenza» è l’appello di Loizzo (Lega) al presidente Occhiuto
2 ore fa:Da Cassano un appello per rilanciare e potenziare la rete oncologia territoriale
5 ore fa:Nasce la Confederazione Pasticceri italiani Calabria: «Una bella e dolce realtà»

Co-Ro, Madeo (Azione): «Le comunicazioni via whatsapp di cessata quarantena illegittime e inutili»

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - «Abbiamo pochi dipendenti comunali, almeno di questo si lamenta tutta la scialuppa Stasi, e continuiamo a inserirci all'interno di una procedura di gestione delle quarantene che non interessa minimamente il Comune. Siamo arrivati a decidere, con tanto di ordinanza firmata dal Sindaco, che le comunicazioni via whatsapp di cessazione di quarantena, assolutamente illegittime sotto un punto di vista giuridico e formale, assolutamente inutili dopo l'ultima ordinanza regionale, possano essere la soluzione al problema pandemico internazionale».

È quanto scrive in una nota stampa Francesco Madeo, di Corigliano-Rossano in Azione che così continua: «Come gruppo di Corigliano-Rossano in Azione riteniamo che si sia toccato il fondo del barile e che questa amministrazione non sappia più cosa inventarsi per "sembrare" attenta alle esigenze dei cittadini. L'Ordinanza Regionale n. 5 del 10/1/2022 mentre da un lato ha escluso dall'intera procedura di gestione delle quarantene i Comuni, dall'altro ha specificato che per ritenersi liberi dalla quarantena serve semplicemente l'esito negativo di un tampone, tra l'altro neanche molecolare, comunicato tempestivamente al Dipartimento di Prevenzione dell'Azienda Sanitaria Provinciale competente e al paziente coinvolto, dal soggetto pubblico o privato, erogatore della prestazione».

«Secondo l'ordinanza della Regione Calabria, insomma, - spiega - si può uscire di casa dopo una quarantena covid semplicemente dopo aver ricevuto l'esito negativo di un tampone rapido, magari processato da una farmacia. Non serve nessuna comunicazione dell'Azienda Sanitaria Provinciale e tantomeno dell'Ente Comunale che non viene minimamente citato all'interno della procedura. Nonostante l'estrema chiarezza dell'ordinanza regionale il nostro Sindaco Stasi decide di inserirsi forzatamente, senza nessun invito, all'interno delle dinamiche pandemiche, trascurando le sue reali responsabilità nei confronti dei cittadini».

«Sindaco abbiamo poche risorse perché sprecarle in comunicazioni illegittime e inutili?! Al netto di tutto questo, riportando il Sindaco Stasi con la faccia orientata verso le sue responsabilità amministrative, invitiamo tutti i consiglieri comunali di maggioranza a risolvere i numerosi e reali problemi dei nostri cittadini e a non utilizzare "armi di distrazione di massa"» conclude.

 

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.