14 ore fa:Campionato italiano Bocce, al via la serie A2 di raffa: 4 squadre calabresi pronte a stupire e a far divertire
14 ore fa:Una goccia di "Mambisa" per sconfiggere il Covid: Nato il vaccino a somministrazione nasale
13 ore fa:Fondi del Piano Nazionale, occasione di sviluppo per i trasporti calabresi
12 ore fa:SS106, sempre più concreta la progettazione sulla Crucoli-Kr-Cz: la Sibaritide ora rischia il sorpasso
12 ore fa:Un francobollo per Giovanni Verga, così Poste italiane omaggia lo scrittore del "verismo"
13 ore fa:Giovane ragazzo legato e segregato in casa dalla mamma: orrore calabrese
11 ore fa:Cariati, studenti in piazza per ricordare l’Olocausto e allontanare ogni forma di discriminazione
15 ore fa:Covid, in Calabria rallenta la curva dei ricoveri ma si registrano altre 8 vittime
14 ore fa:Calabresi che brillano: Matteo Bonacci è l'Art Director della cantante Laura Pausini
16 ore fa:Oli esausti e scarti di officina scaricati nel Crati, scattano denunce e sequestri

Ospedale Castrovillari, trasferiti medico e infermiere: ridotti i posti letto di Broncopneumologia

1 minuti di lettura

CATROVILLARI - «Il trasferimento ad altra sede di un medico e di un infermiere dall’Unità Operativa di Broncopneumologia dell’Ospedale di Castrovillari ha già determinato gli inevitabili scompensi che era lecito attendersi».

Lo ha dichiarato Ferdinando Laghi, Presidente in Consiglio Regionale del Gruppo “De Magistris Presidente”. «La conseguente, inevitabile ricaduta è stata la riduzione dei posti letto di degenza, passati da dieci a sei, mentre a rischio appaiono altri servizi offerti dal Reparto, primo tra tutti quello dell’attività ambulatoriale. L’accaduto – continua il Consigliere Laghi- colpirà un’ampia fascia di popolazione calabrese che fa riferimento al nosocomio del Pollino, né a giustificazione di quanto accaduto può essere invocata la pandemia da SARS-Cov2 attualmente in corso».

«Se, infatti, la quarta ondata della pandemia richiede ogni possibile intervento per farvi fronte, la risposta non può certo essere data limitando l’assistenza a chi malato di Covid 19 non è. Appare, ancora una volta necessario – conclude Laghi- intervenire con immediate assunzioni, integrando le dotazioni organiche della Sanità Pubblica, senza limitarsi a tirare una coperta che, ormai da tempo già corta di suo, si va sempre più accorciando anche per i continui pensionamenti, mai compensati da sufficienti assunzioni, del Personale sanitario».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.