1 ora fa:Urbact, dopo la visita della delegazione greca a Co-Ro le "buone pratiche" diventano modello
4 ore fa:Le scuole dell'arberia alla scoperta del mondo delle api
4 ore fa:Antoniozzi (FdI): «Riteniamo che Pasqualina Straface sia il migliore sindaco possibile per la città»
2 ore fa:A Rocca Imperiale la presentazione del libro “Buon Giorno, Prete”, nel ricordo di padre Domenico
3 ore fa:VOLLEY - "Marathon Experience" alla fase finale
1 ora fa:Eolico off-shore, le pale eoliche potrebbero essere assemblate nel Porto di Corigliano-Rossano
2 ore fa:L'ex senatrice Abate rivendica quanto fatto per la Calabria
32 minuti fa:Mandatoriccio, attesa per i festeggiamenti di San Francesco di Paola
2 minuti fa:Mimmo Bevacqua presenta il suo libro “La mia forza è la moderazione”
3 ore fa:Ritorna in Calabria la nona edizione del Cicogna day della Lipu

Tutti esperti di turismo ma nessuno con la soluzione in tasca

2 minuti di lettura

U' parrari è arta legge... Parlare è arte leggera, lontanissima dalla concretezza e dal pragmatismo. Tra il dire e il fare – si sa – c'è di mezzo il mare e, nel caso specifico, un oceano di arroganza e supponenza. Le polemiche degli ultimi giorni attorno all'azione di marketing turistico regionale, che non avrebbe prodotto risultati in termini di numeri, sta scaldando il dibattito. Ci sta. Ci sta tutto in una terra di haters, dove la critica e la polemica spinta sono il sale della società. Leggendo tanti commenti, molti anche artificiosi e forse anche azzardati, mi è sorta una domanda: ma la soluzione a questo stato di fatto qual è?

È chiaro che conoscere, comunicare e creare consapevolezza di quello che siamo e soprattutto di quello che abbiamo, da poter mettere sul mercato turistico, non basta. E forse non basterebbe nemmeno la promozione fine a se stessa. Servirebbe, concretamente, una strategia. Ma di strateghi, in realtà, nella selva di polemiconi e dottoroni del nulla, sinceramente non se ne vedono. O quantomeno non si espongono. E questo vale per tutti. Da chi pomposamente risponde analiticamente ad argute e ben strutturate domande sul fallimento delle politiche turistiche regionali, per finire a chi, sui social, si sbizzarrisce a dire la sua.

Abbiamo storia, monumenti, paesaggi, enogastronomia, patrimoni inestimabili e unici al mondo ma – nonostante tutto – non riusciamo ad attrarre interessi, turisti e visitatori. Benissimo. Questo lo sappiamo già. E lo sappiamo da almeno un paio di decenni, da quando, insomma, il turismo è diventato global. E allora?! Quali sono le soluzioni?

Per superare la critica, la ricetta per ristabilire un imbarazzante disequilibrio che ci vede, probabilmente anche in questo caso, fanalino di coda d'Europa, qual è?

Di dotti, scienziati, esperti (come si definiscono in tanti) ne contiamo un numero considerevole tra la nostra gente calabra, addirittura li esportiamo. Fanno fortuna altrove – dicono - ma non nella loro terra d'origine. Perché? Perché le strategie che vanno bene per Puglia, Basilicata, Sardegna, Sicilia, Trentino Alto Adige non vengono applicate da questi stessi luminari in Calabria?

Il sospetto che si facciano tante parole (vuote e inutili) solo per il gusto di contraddizione e contrapposizione mi pare chiarissimo. Poi nessuno, però, è capace di fare un bagno d'umiltà e magari, oltre a dire che i concerti gratuiti in piazza non producono turismo o che il marcatore identitario X è fine a se stesso, suggerire come l'Elefante di Campana possa essere venduto sul mercato del turismo globale.

Continuiamo a spararci addosso fuoco, piuttosto che sottilissimi colpi di fioretto, senza pensare all'unica cosa che in realtà andrebbe fatta: squadra, unire le forze e portare tutta la Calabria in questo team di lavoro.

In questi giorni mi trovo nel tanto gettonato, carissimo e normale Salento. Una terra bellissima, ci mancherebbe, ma come è bellissimo l'intero Sud (Calabria compresa); una penisola della penisola nella Penisola che offre tanti servizi, tantissimi momenti di intrattenimento (quasi tutti a pagamento fatta eccezione per la Notte della Taranta); una cucina diversamente buona; insomma, un luogo normale con una sola differenza – che ho notato volutamente – qui, nella terra dei Messapi, di Greci e Bizantini (vi ricorda qualcosa?!) tutti, ma proprio tutti, sanno dove vivono, ne hanno un orgoglio esagerato e farebbero qualsiasi cosa pur di mantenere alto il nome della loro destinazione. Qualsiasi cosa, anche vendere il posto ombrellone di un altro lido concorrente quando il proprio è al completo... in una domenica di settembre.

E allora ti viene il dubbio: ma non è che noi in Calabria abbiamo costruito il tetto dimenticandoci di realizzare le fondamenta? Non è che continuiamo a parlarci addosso dimenticando che il valore dello sviluppo turistico passa, insindacabilmente, dalla capacità degli autoctoni a mettersi in gioco? Perché senza quella... non andiamo da nessuna parte!

Marco Lefosse
Autore: Marco Lefosse

Classe 1982, è schietto, Idealista e padre innamorato. Giornalista pubblicista dal 2011. Appena diciottenne scrive alcuni contributi sulla giovane destra calabrese per Linea e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizia a muovere i passi nei quotidiani regionali. Collabora con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 accoglie con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia, Genevieve Makaping, ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 scrive per Calabria Ora. Nell’aprile 2018 entra a far parte della redazione di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese. Dall’1 giugno del 2020, accoglie con piacere ed entusiasmo l’invito dell’editore di guidare l’Eco Dello Jonio, prestigioso canale di informazione della Sibaritide, con una sfida: rigenerare con nuova linfa ed entusiasmo un prodotto editoriale già di per sé alto e importante, continuando a raccontare il territorio senza filtri e sempre dalla parte della gente.