9 ore fa:Crisi Stasi: l'unica soluzione è ricucire lo strappo con i dissidenti. Opposizione compatta: «Maggioranza senza numeri»
10 ore fa:Trebisacce, l’Istituto “Aletti” festeggia il ritorno a scuola
10 ore fa:REGIONALI 2021 - Mannarino (Circoscrizione Nord): «Terme Luigiane, sì ad ascolto no a provocazioni»
9 ore fa:Tutti pazzi per il campione Lavia un «talento che porta alto il nome di Corigliano-Rossano»
8 ore fa:Corigliano-Rossano, Salvini fa tappa a Schiavonea. Ecco quando
7 ore fa:Infrastrutture, nuova mappatura reti TEN-T entro la fine dell'anno «ma lo Jonio è fuori»
9 ore fa:A San Basile anno nuovo, scuola nuova. Tamburi: «Edificio da guinness dei primati»
8 ore fa:Gal Pollino, sono 23 le aziende che hanno aderito Distretto del cibo calabro-lucano
7 ore fa:Scoperto il mistero delle tende ProCiv: sono una discarica di “accessori contaminati”
9 ore fa:E se il Gigante di Pietra di Campana non fosse un guerriero?

Dalla Natura alla Società: quasi un'utopia

3 minuti di lettura

Sarà capitato a chiunque fermarsi ad ammirare un paesaggio di natura boschiva, seguire l’andamento altalenante dei rilievi ammantati d’alberi, percorrere con lo sguardo la varietà dei toni colorati e degli spiazzi, godere di tanta bellezza così originale e selvaggia, così intensamente attrattiva.

Sarà capitato altresì a molti di fare escursioni nei boschi di alto fusto fino alle pinete dei mille e più metri di altezza, in ogni stagione ma soprattutto per sfuggire al caldo estivo e fare picnic all’ombra, inoltrarsi per sentieri o per dorsali nascoste alla ricerca di funghi e castagne in autunno o della neve d’inverno, subire la malìa ovattata del candido elemento che piega i rami, che assorbe i rumori e scoprire le orme e i segreti degli animali selvatici.

Andare per foreste, noi calabresi abbiamo la sorte di essere nati tra boschi e mare, e inoltrarci da soli o in piccole comitive, scoprire dall’interno la natura verde, cercare il respiro della terra, la rete di forze interconnesse che certamente dev’esserci tra le tante specie di piante, dalle erbe sconosciute ai colorati piccoli fiori, agli arbusti più radi e più folti, alle macchie nascoste tra radure rigate di ruscelli, ai tanti e diversi alberi di medio e alto fusto, capire la sottile corrente che passa nell’aria, invisibile a noi, ma viva in tanta mirabile diversità.

Visitare il bosco col suo verde dai chiaroscuri teneri o intensi, miscelato in sfumature cangianti al primo soffio di vento, con le innumerevoli foglie in dimensioni e spessore propri che dicono il nome delle varie specie, i rami frondosi e le chiome che s’incontrano, si toccano, si mescolano, fanno ombra e, segretamente, si stringono, si sovrappongono in un ordine che appartiene alla loro esistenza, al loro farsi ogni volta diverso, accogliente, prossimo.

Così risalendo i camminamenti o i tratturi in cerca della cima, vedremo la macchia sempreverde di corbezzoli, alaterni, viburni, rovi di more, lecci perdere quota in favore delle latifoglie come ontani, carpini, ornielli, dei cerri, delle roverelle e, magari, scovare la rara presenza della quercia di Dulechamp e poi l’immenso verde dei castagni fino alla foresta alta dei pini neri e degli abeti, ognuno con la sua imponenza, con la sua resistenza alle temperature medie o estreme, alle intemperie,  con la propria risorsa di sfruttare terreni argillosi e poveri fino a quelli ricchi di humus, come il “cropiu” dei castagni, e sentire farsi l’aria più fine e fresca zigzagando nel colonnato delle conifere. 

Andare per boschi abbassando il tono di voce che addita le novità, capirsi col segno delle braccia e delle mani, evitando rumori insoliti in modo da sorprendere anche gli scoiattoli o i picchi verdi o i colombacci o le ghiandaie che si lasciano accarezzare dagli sguardi, come le farfalle cavolaie, macaone, podalirio, le piccole sintomidi svolazzanti a mezz’aria lungo i sentieri e sperimentare come il cammino diventa quasi un’esperienza mistica perché tutto è straordinario, tutto pare dire, per chi guarda, che oltre alla suggestione dello spettacolo, c’è un ordine innato, originale, antico e nuovo necessario alla convivenza, all’aiuto reciproco tra specie diverse per usare al meglio gli elementi dell’atmosfera e fronteggiare le calamità naturali a cui essi sono abituati da sempre.

 

Se tanta misurata concatenazione di vegetali mantiene da secoli visitabile se non proprio esportabile il suo laboratorio evolutivo di vicinanza e mescolanza con le altre famiglie viventi di mammiferi, insetti e popolo sotterraneo di decompositori, in un osmotico scambio di protezione e utilizzo di fertile guano, verrebbe da chiedersi perché la famiglia umana che tanto ammira, usa e conserva, quando non impazzisce tagliando, incendiando, depredando, la più antica delle sue abitazioni, la grande dimora-foresta, appunto, non si appresta a copiare la variegata diversità della natura boschiva, imitandone l’ordinato evolversi delle specie ma soprattutto l’unità nella diversità,  la destinazione nativa dei tipici frutti, mi veniva da dire dei propri talenti?

Perché i gruppi sociali elementari umani non imitano i vicendevoli scambi che notiamo nelle piante, cooperando nella crescita e favorendo varietà e prossimità senza preferenza o mutando destinazione?

Perché non imitare la naturale convivenza dei vegetali che rispondono ad una sorta di aseità, cioè che trova la giustificazione del proprio essere al mondo nella stessa sua essenza, con il di più delle caratteristiche doti umane come la libertà, l’intelligenza, la creatività, il pensiero reversibile, fino a tutte le forme e i progressi civili, artistici, scientifici, filosofici e immaginifici che non sto qui a elencare, col fine neanche troppo nascosto di reinventarsi comunità per statuto nelle prassi più  altruistiche e rendere sostenibile ogni dotazione sociale con i più deboli e sfortunati, adottando la condivisone volontaria, samaritana,  sicuramente ad un livello più elevato di quanto s’ammira nelle piante che usano la linfa e non il sangue per vivere?


Il Corsivo è curato dalla reggenza dell'Eco dello Jonio con la preziosa collaborazione della prof.ssa Alessandra Mazzei che ogni settimana offre agli utenti la lettura in forma esclusiva di contributi autentici, attuali e originali firmati da personalità del mondo della cultura, della politica e della società civile di fama nazionale e internazionale

Eugenio Nastasi
Autore: Eugenio Nastasi

Laureato in pedagogia con indirizzo psicologico, ha insegnato nella scuola a tempo pieno di Piragineti, proponendosi anche come guida agli alunni per escursioni naturalistiche. Ama la lettura, come prima passione, da quando la Mondadori lanciò “Gli Oscar”, da allora non ha più smesso. Ha pubblicato una decina di libri di poesia, scrive ogni tanto recensioni per raccolte poetiche e per romanzi. Tra i molti premi, tra cui il “Rhegium Julii”, l”Erice-Anteka”, il “Borgognoni” a Pistoia, il “Tra Secchia e Panaro” a Modena, è stato finalista per due volte consecutive edizioni di Roma (’97) e Napoli (98’), al Premio Internazionale di Poesia “Eugenio Montale”. Altra grande passione la pittura. Ama la montagna, i boschi, il trekking con amici che condividono lo stesso vizio.