9 ore fa:Auddino (M5S) dice no a Draghi Presidente della Repubblica
11 ore fa:Il vice sindaco di Mormanno eletto nella Direzione Regionale del Partito Democratico
10 ore fa:L’appello di Co-Ro Pulita alla minoranza: «Basta strumentalizzare le tragedie per fini politici»
12 ore fa:Rapinò una banca, incastrato dalle prove biologiche rimaste sulla calzamaglia usata per nascondere il volto
9 ore fa:“Il mansplaining spiegato a mia figlia” arriva al Teatro Garden di Rende
11 ore fa:Al preside Francesco Antonio Di Noia sia intitolata la Scuola Media “A. Toscano” del Centro Storico ausonico
11 ore fa:Castrovillari, premiati i vincitori del concorso artistico “Io l’ambiente lo salvo così…”
10 ore fa:Vaccini nelle scuole, in Calabria un bambino su tre della fascia 5-11 anni ha già fatto la prima dose
10 ore fa:Le Vignette dell'Eco
12 ore fa:Covid, in Calabria calano i contagi e i ricoveri ma si registrano 7 vittime

Turismo, rivoluzione digitale e necessità di investire nell’innovazione tecnologica

3 minuti di lettura

Molti sostengono che con la fine del XX secolo sta per dischiudersi una nuova epoca della modernità. Alcuni parlano di modernità radicale (Giddens, 1994), che cioè valorizza gli elementi fondanti della modernità. Altri, sostengono che la modernità non finisce ma si trasforma. Altri ancora, che vi sono stati rilevanti perdite culturali e profonde lacerazioni sociali, indirizzandoci con la decostruzione verso la de-modernizzazione (Touraine, 1970). In ogni caso, come noto, l’espressione “società postmoderna” (Lyotard, 1979) è certamente quella più utilizzata per evidenziare il quadro degli importanti mutamenti sociali, economici e culturali, registratisi.

Nella società postmoderna lo sviluppo non passa più solo dalla produzione di beni materiali, dal possesso dei mezzi di produzione e dal capitale, ma, semmai, dalla capacità di produrre servizi e conoscenza, dalla conoscenza della conoscenza e dalla capacità di rendere accessibile ed utilizzabile la stessa conoscenza (Internet). Molti pregevoli studiosi hanno sostenuto l’apertura sempre più decisa verso la società in rete (Castells, 1996; Van Dijk, 1999), con l’affermarsi di nuovi paradigmi comunicativi non confrontabili con quelli precedenti.

Nella stessa direzione, va anche il fatto che nella grande maggioranza dei casi si è concordi nel ritenere che l'emergere della cultura postmoderna è dovuta alle nuove tecnologie che si basano sui mezzi di comunicazione e di divulgazione di massa, sull’intensificazione delle fonti di produzione di dati e dei canali informativi. Inoltre, che non esistono ordini e priorità nella informazione e nella comunicazione che si produce: sulla rete si può tranquillamente passare, e talvolta senza neanche accorgersene, da un tema all’altro semplicemente rispondendo a stimoli imprevisti che si evidenziano durante la “navigazione”, ed in questo contesto ogni parere su ciò che si cerca e si trova vale, al momento della ricerca, quanto un altro; come in diversi casi è stato evidenziato, la comunicazione postmoderna la si deve interpretare attraverso condizioni quali la interattività, la virtualità, la multimedialità, l’ipertestualità, la connettività ed il coinvolgimento. Infine, si sottolinea come l’ampia diffusione di tecnologie per l’informazione e per le comunicazioni sempre più sofisticate hanno determinato, e continuano incessantemente a definire, profonde trasformazioni nella società, nelle organizzazioni e negli individui, costringendo a repentini quanto talvolta indispensabili ed impensabili cambiamenti negli stili di vita, nelle organizzazioni, negli orientamenti operativi e nei modelli di policy.

Tutto ciò vale anche, ovviamente, nel caso del settore turistico, uno dei comparti di attività economica che è cresciuto di più negli anni registrando ogni anno milioni di persone che ogni anno si muovono in posti diversi da quelli in cui vivono abitualmente.

In effetti, però, nella società contemporanea ciò che maggiormente colpisce non è solo la notevole quantità di persone che vanno ogni anno in giro per il mondo (fase pre-Covid oltre 1,5 miliardi di arrivi), ma principalmente la facilità e la rapidità con cui quantità ancora più ampie di persone che, perennemente interconnesse, ogni giorno realizzano “esperienze virtuali” di viaggio e soggiorno, informandosi  e comunicando in tempo reale con persone di tutte le aree del mondo.

Il turismo è, probabilmente, il fenomeno economico e sociale che più di tutti gli altri è stato direttamente ed immediatamente influenzato dalle nuove tecnologie della comunicazione e dell’informazione. Le nuove tecnologie consentono, ed in ampia parte obbligano, verso la comunicazione interpersonale che, a sua volta, tende a svincolarsi dalla compresenza, determinandosi situazioni in cui le relazioni avvengono in condizioni di lontananza e contemporaneità e sottolineano come lo spazio sociale non sia più definito dai confini spaziali e temporali (il concetto di “disembedding”). 

La portabilità dei devices enfatizza le forme di mobilità e spinge ad essere «always connected» (Paccagnella, 2004). Tramite la telefonia mobile ed i computer portatili si sono avviati meccanismi sociali che hanno condizionato le pratiche comunicative, rivoltato le frontiere tra proscenio e quinte, tra collettivo e personale, tra incontri diretti e incontri virtuali. Nel turismo, tutto ciò, però, non solo non ha determinato un calo nei flussi turistici, ma li ha certamente moltiplicati, proprio perché le nuove tecnologie non solo permettono una maggiore autonomia nell’organizzazione e nella gestione del viaggio e del soggiorno, ma anche perché il viaggio virtuale oggi possibile verso la destinazione e/o l’oggetto di desiderio, se ben offerto, permette di valutare ancor prima di partire la creazione di un itinerario esperienziale sempre più adeguato ai bisogni ed alle esigenze del viaggiatore postmoderno. Per tale motivo, l’offerta turistica non può che stare al passo con i tempi fornendo servizi sempre più complessi, dove l’innovazione tecnologica è la strada naturale per raggiungere i risultati attesi.


Il Corsivo è curato dalla reggenza dell'Eco dello Jonio con la preziosa collaborazione della prof.ssa Alessandra Mazzei che ogni settimana offre agli utenti la lettura in forma esclusiva di contributi autentici, attuali e originali firmati da personalità del mondo della cultura, della politica e della società civile di fama nazionale e internazionale

Tullio Romita
Autore: Tullio Romita

Insegna Sociologia del Turismo presso l’Università della Calabria dove è coordinatore del corso di laurea magistrale in Valorizzazione dei Sistemi Turistico-Culturali, direttore del Master in “Esperto in organizzazione e gestione del turismo delle radici”, responsabile scientifico del Centro Studi e Ricerche sul Turismo, ed autore di varie pubblicazioni scientifiche. È autore di decine di pubblicazioni scientifiche su tematiche attinenti lo sviluppo urbano, il turismo e lo sviluppo locale sostenibile.