9 ore fa:Cariati, nasce la nuova Giunta Greco con Antonio Arcuri vicesindaco
10 ore fa:Il riconoscimento della regione ai genitori del campione d’Europa di Volley, Daniele Lavia
12 ore fa:Calabria Sona protagonista del primo Festival del Turismo Musicale a Milano. Ecco quando
12 ore fa:“U tatarannu” dei pescatori. Il nuovo murale nel borgo marinaro di Schiavonea
11 ore fa:Cassano, sottoscritto protocollo d’intesa tra amministrazione e sindacati
8 ore fa:Agricoltura, accolte le richieste della Calabria a seguito degli eventi calamitosi
11 ore fa:A Corigliano-Rossano “è tempo di volley”: presentato il progetto all’Istituto Costabile Guidi
10 ore fa:Inchiesta Sibari-Co-Ro: i due progetti messi allo specchio
10 ore fa:Presentata la quinta edizione di “Cose Belle Festival 2021” tra creatività, illustrazione e design
9 ore fa:Contrasto al caporalato, Cisl: «Attivare le Sezioni territoriali della Rete del lavoro agricolo di qualità»

«Mai più sole bambine e donne che, come Saman, cercano di affermare la propria identità!»

3 minuti di lettura

Ogni qualvolta che qualcuno prova ad accennare anche solo velatamente al fatto che la cultura islamica costituisca una mortificazione per le donne, c’è sempre qualcun’altro che qualifica il ragionamento come razzista .

Si adducono a sostengo della tesi razzista che il mondo è multiculturale, che lo scambio con modi di fare diversi dai nostri arricchisce, finendo con l’affermare banalmente che tutte le culture hanno qualcosa da insegnare .

Io credo, invece, che, quando si è in presenza di una cultura che non rispetta i diritti umani, che paragona la donna ad un oggetto non attribuendole il diritto di autodeterminarsi, occorra intervenire duramente e che chi commette in nome di questa cultura delitti debba essere punito con pene esemplari .

Sia esso un pakistano o un italiano . Ugualmente.

Così come ugualmente deve soggiacere alle nostre leggi chi abita la nostra nazione.

E la religione, supportata da una sballata interpretazione di testi arcaici, non può e non deve essere considerata un alibi; tantomeno un alibi culturale!

I diritti vanno nutriti, difesi con forza e promossi ogni giorno. Attraverso la testimonianza e l’impegno; ma l’impegno da solo non basta. Se ci si impegna a fare una cosa, è assolutamente indispensabile che l’impegno sia accompagnato dalla conoscenza del problema. E il problema della violenza di genere, che è il problema da combattere, è talmente strutturato nella nostra multirazziale società che va combattuto insegnando che i diritti sono gli stessi per maschi e femmine sin da piccolissimi.

Saman Abbas è l’ennesima vittima di femminicidio, protagonista suo malgrado, come tante, troppe, di una storia semplice: o subisci o ti ammazzo.

E le mani sono state, ovviamente, quelle di uno di famiglia.

E nonostante in  tutte le campagne pubblicitarie si invitino le donne a trovare la forza di denunciare, in virtù di quel coraggio che è lo stesso grazie al quale ogni giorno molte donne denunciando si concedono una nuova vita, spezzando la catena di violenza, nel caso della diciottenne pakistana, assassinata perché si sentiva italiana ed accusata di aver disonorato la famiglia rifiutando un matrimonio combinato, il coraggio, che pur ella aveva avuto, non è bastato!

Il nostro Paese non è riuscita a salvarla.

Quel Paese al quale Saman aveva richiesto aiuto: ha 17 anni quando a ottobre denuncia i genitori. Grazie al Tribunale dei Minori viene ospitata lontano dalla casa familiare, ma a dicembre, diventata maggiorenne, non ha più tutela giuridica: non è cittadina italiana.

Tornata a casa il 15 aprile, pretende i documenti che sono l’unica strada per la libertà, ma la famiglia non cede, per questo Saman si rivolge con coraggio alle forze dell’ordine, che arrivano però solo il 5 maggio, quando ormai è stata giustiziata perché da donna non le è stato concesso di fare come voleva.

È chiaro che il problema della cittadinanza è diventato il nuovo problema di genere di cui lo Stato italiano deve farsi carico.

Il 2 giugno scorso, è stato presentato “La cittadinanza a 18 anni”, a cura di Black Lives Matter Roma e Rete G2 - Seconde Generazioni, che spiega esattamente come molti uomini, padri prima e mariti dopo, privano le donne straniere che sono in Italia di acquisire la cittadinanza perché i requisiti richiesti sono legati al reddito che è detenuto dai maschi:  quegli  stessi maschi  che troppo spesso impongono violenza e prevaricazione, come nel caso di Saman.

La nuova sfida da cogliere nell’ambito delle politiche di genere è immaginare soluzioni efficaci per riconoscere a chi vive in Italia uguali diritti e tutele  e di farlo soprattutto per le vittime di violenza o di matrimoni forzati, che continuano ad avvenire nel silenzio colpevole, a due passi da noi.

Di lotta alla violenza di genere e di diritti umani dobbiamo parlarne fino alla nausea. Dobbiamo farlo con le nuove generazioni, alle quali affidiamo il sogno di un mondo migliore .

Nessuno è esente da questa battaglia! Ci deve vedere coinvolti tutti: donne e uomini, cittadini e istituzioni, che, seppur in modi e circostanze differenti, hanno l’obbligo di creare le condizioni affinché tutte le bambine e le giovani donne come Saman che cercano di affermare la propria identità non si sentano sole, ma percepiscano la comprensione del mondo e la forza delle istituzioni.


Il Corsivo è curato dalla reggenza dell'Eco dello Jonio con la preziosa collaborazione della prof.ssa Alessandra Mazzei che ogni settimana offre agli utenti la lettura in forma esclusiva di contributi autentici, attuali e originali firmati da personalità del mondo della cultura, della politica e della società civile di fama nazionale e internazionale

Rosellina Madeo
Autore: Rosellina Madeo

Studi classici al Liceo - Ginnasio San Nilo di Rossano e laurea in Legge a Bari nel 2000, con una tesi su Aldo Moro. Esperta in politiche di genere, avvocato e mamma di Gioia Abbruzzese. Innamorata della democrazia e delle nuove generazioni a cui dedico impegno e le mie energie migliori. Convinta meridionalista, per descrivermi uso il motto di Pietro Mennea “La fatica non è mai sprecata: soffri ma sogni”.