9 ore fa:L'Unical continua a crescere: per il quinto anno consecutivo aumenta la percentuale di iscritti
8 ore fa:Ecco i 24 eletti del nuovo Consiglio Comunale di Corigliano-Rossano: Rosellina Madeo la più votata
14 ore fa:Cassano Jonio, Falbo soddisfatto per i risultati delle ultime consultazioni elettorali
11 ore fa:Ripartono a ritmo serrato i cantieri del Nuovo Ospedale: D'Agostino cerca manodopera locale
14 ore fa:Fratelli d'Italia Calopezzati: «Giunta comunale incapace di chiedere scusa alla Sorical Spa»
13 ore fa:Odissea 2000, sabato 15 parte Olympus con i Pittagorici e il loro pranzo degli dei
10 ore fa:Elezioni Comunali a Co-Ro, ancora nessun dato ufficiale sui Consiglieri eletti
9 ore fa:La storia delle scatoline liquirizia Amarelli al Ministero del Made in Italy
10 ore fa:Cambia la viabilità sul lungomare Colombo di Cariati per la stagione estiva
11 ore fa:Sanità, l'allarme di Laghi: «Qualcuno vuole portare al tracollo l'ospedale di Castrovillari»

Concorso legalità, ancora successi per la scuola "Troccoli" di Lauropoli sotto lo slogan "Stop alle Mafie"

1 minuti di lettura

CASTROVILLARI - Si è svolta, lo scorso 18 Maggio al Teatro Vittoria di Castrovillari, la cerimonia di premiazione della seconda edizione del concorso artistico – letterario “Artlet 2024” promosso dalle associazioni culturali Khoreia 2000 e Mystica Calabria ed inserito nel programma del Festival della Legalità ideato dall’amministrazione comunale con il patrocinio della Fondazione Falcone e de La Casa di Paolo.

«Grande successo - riporta la nota - per gli studenti dell’Istituto Comprensivo “G. Troccoli” che per il secondo anno consecutivo sono saliti sul podio, dimostrando ancora una volta una forte coscienza critica e sociale. Intenso il programma degli eventi che dal 17 al 23 maggio ha visto come protagonisti gli studenti di ogni ordine e grado sotto lo slogan "Stop alle Mafie”. Il concorso ha avuto come oggetto la realizzazione di opere artistiche e letterarie incentrate sui bambini (minori di 18 anni) vittime della criminalità organizzata. Gli alunni già vincitori nella precedente edizione con il cortometraggio “Farfalle Libere” hanno conquistato il secondo posto nella sezione artistica  con le pellicole cinematografiche  “Sangue Bianco” (alunna Aloise Miriam – Classe 3 B)  e “C’era una volta un ragazzo che amava i cavalli” (Classi 1 SEZ A – B, Kahi Rayan della Classe 2 A)  quest’ultimo dedicato alla memoria del piccolo Giuseppe Di Matteo, rapito strangolato e sciolto nell’acido l’11 gennaio 1996, per punire il padre, Santino, collaboratore di giustizia».

«Primi classificati nella sezione letteraria  con “Lettera di una bambina mai nata” - si legge ancora - gli alunni della Classe 1 A, scritta in ricordo dell’agente di Polizia e della moglie incinta di cinque mesi. Ad accompagnare gli allievi in questo percorso di legalità, i docenti Cerchiara Lucia, Schifino Francesca e Salmena Alessia, che con il loro contributo hanno inteso ribadire quanto sia importante promuovere la cultura della legalità nella scuola per educare gli alunni al rispetto della dignità umana, attraverso l’acquisizione delle conoscenze e l’interiorizzazione dei valori che sono alla base della convivenza civile. I Troccolini con emozione e delicatezza si sono lasciati coinvolgere dalle dolorose storie dei piccoli innocenti uccisi per vendetta, per non lasciare testimoni, uccisi per caso o quando si erano appena affacciati alla vita, le cui storie servono per fare e costruire memoria. Conservarla e tramandarla. Una strage bianca che non può essere dimenticata. Mai».

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.