16 ore fa:Strada Statale 106, primo confronto tra la Regione e l'associazione "Basta Vittime"
16 ore fa:La Filt Cgil Calabria promuove la formazione di giovani ferrovieri
2 ore fa:Lungro, il comune intercetta 600 mila euro per la riqualificazione della scuola materna
14 ore fa:Viaggi di istruzione, un altro autobus fermato alla partenza per carenza di requisiti
1 ora fa:Schiavonea, approvato il progetto di adeguamento strutturale della scuola di via Nizza
15 ore fa:Inaugurata una sede di "Villapiana Futura" nello Scalo cittadino
1 ora fa:Lavori Terzo Megalotto: i mezzi pesanti non passeranno più nel centro abitato di Sibari
15 ore fa:Sapia replica a Rapani: «Occorre elevare il livello della politica parlando di progetti e obiettivi»
14 ore fa: IC Crosia primo classificato al Concorso Nazionale “Agri-coltura: costruiamo l’atlante dei Paesaggi Rurali italiani”
44 minuti fa:A Campana 370mila euro per interventi sulla viabilità

La Young Musician European Orchestra apre le porte della rassegna Ionio International Music Festival

1 minuti di lettura

TREBISACCE - Stabat Mater: quando la musica è preghiera e la preghiera è musica. L’accademia musicale "Gustav Mahler," diretta dal maestro Francesco Martino, continua il proprio intenso e prolifico percorso di realtà promotrice della cultura musicale a Trebisacce, nell’Alto Jonio e in Calabria, con un evento concertistico di grande valenza emotiva ed artistica, di caratura internazionale, realizzato in collaborazione con Ama Calabria.

Lunedì 3 aprile, dalle ore 19.30, il sagrato della chiesa Cuore Immacolato Beata Vergine Maria, a Trebisacce, ospiterà l’arte della Young Musician European Orchestra, diretta dal maestro Giulio Arnofi, forte della voce del mezzo soprano, la maestra Daniela Pini, in un concerto che segna uno dei momenti di apertura del prestigioso Ionio International Music Festival, appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati calabresi di musica.

Con le note di Antonio Vivaldi e i testi di Jacopone da Todi, lo Stabat Mater, è una preghiera che si compone di due parti.  La prima parte della preghiera, che inizia appunto con le parole Stabat Mater dolorósa ("La Madre addolorata stava") è una meditazione sulle sofferenze di Maria, madre di Gesù, durante la crocifissione e la Passione di Cristo.

La seconda parte della preghiera, che inizia con le parole Eia, mater, fons amóris ("Oh, Madre, fonte d'amore") è un'invocazione in cui l'orante chiede a Maria di farlo partecipe del dolore provato da Maria stessa e da Gesù durante la crocifissione e la Passione. 

Antonio Vivaldi scrisse le musiche per la preghiera di Jacopone da Todi nel 1712, al fine che il suo componimento potesse essere eseguito come parte della Festa dei Sette Dolori di Maria Vergine a Brescia.

Lunedì 3 aprile, a Trebisacce, quest’opera, perfettamente in armonia con il sentire religioso della Pasqua cristiana, si espanderà, dalla casa di Dio al cuore degli uomini, di tutti coloro che vorranno partecipare ad un evento completamente gratuito. 

Stabat Mater è un concerto che vede a Trebisacce grandi protagonisti della scena musicale internazionale, il cui talento musicale esploderà in tutta la propria potenza evocativa sulla costa ionica, creando un momento culturale che fonde musica e preghiera, linguaggi con cui l’uomo si rivolge a Dio. 

Ancora una volta l’Accademia Musicale Gustav Mahler pone il proprio impegno al servizio del territorio, in un percorso di crescita artistica, musicale, culturale ed esperienziale, per trasmettere l’importanza del bello che eleva lo spirito. L’evento rientra nell’ambito del progetto finanziato con le risorse del Psc – Piano di sviluppo e coesione 6.02.02 – Direzione Generale Spettacolo, e col patrocinio gratuito del Comune di Trebisacce.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.