1 ora fa:Unical ricerca medici altamente qualificati, in programma una nuova call
2 ore fa:Federalismo differenziato? I calabresi potrebbero non pagare le bollette dell'elettricità. Ecco perché
5 minuti fa:L'otto marzo a Co-Ro ingresso gratuito nei musei cittadini per tutte le donne
3 ore fa:A Mirto la prima edizione del Trionto Tarantella Festival
36 minuti fa:Il Centro Antiviolenza Fabiana apre le porte ai cittadini per sensibilizzare sui temi della disparità di genere
5 ore fa:La Pro Loco di Trebisacce sfrattata da palazzo Massafra... dopo appena un mese
20 ore fa:Cgil Longobucco promuove un evento sui diritti delle donne
19 ore fa:Mormanno: i tamburi di Monte Cerviero diventano associazione
2 ore fa:Pubblicate le prime gare della Cuc dell'unione dei Comuni Co.Ro. Pnrr
1 ora fa:Fillea Cgil sull'alta velocità: «La regione chieda al governo il potenziamento degli interventi di Rfi»

"Solitudine di un Regista" di Pagliuso premiato a Roma: protagonista il centro storico di Rossano

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - "Solitudine di un Regista" del regista Renato Pagliuso, girato interamente nel centro storico di Rossano, è stato premiato, nel corso di una partecipata cerimonia alla Casa del Cinema di Roma, come migliore cortometraggio al prestigioso Premio cinema indipendente "Sergio Pastore". Pastore è stato un regista, sceneggiatore, giornalista e produttore cinematografico calabrese, il premio, alla sua prima edizione, è stato fortemente voluto dalle figlie, Sara e Laura, in ricordo di un uomo che si è speso in tutta la sua carriera per affermare il diritto alla libertà degli autori, degli interpreti e degli sceneggiatori. La madrina della serata Milena Vukotic insieme al presidente della giuria Franco Mariotti e Graziano Marraffa in rappresentanza degli altri giurati Domenico Monetti ed Eugenio Ercolani hanno consegnato le targhe che riproponevano un dipinto originale creato appositamente dall'attrice e soprano Sara Pastore per l'occasione. Renato Pagliuso è stato premiato da Saverio Vallone, figlio del noto attore calabrese, Raf. Il premio attingendo dall'impegno del suo ispiratore, il regista Sergio Pastore, intende continuare a promuovere l'importanza dei diritti umani, e della libertà di pensiero, estesa ad ogni "maestranza" della cultura. Artista a tutto tondo, brillante e vulcanico, Renato Pagliuso custodisce nel suo personale archivio materiale prezioso: dalle locandine di vecchi film a cineprese, proiettori, ed altre attrezzature audiovisive che potrebbero essere esposte in maniera permanente e, con il contributo delle sue idee sulla divulgazione, suscitare l'interesse della cittadinanza dove magari si nasconde un talento che aspetta solo di trovare la sua strada per emergere. Pagliuso ha aperto un costruttivo dialogo con l'amministrazione comunale, per far sì che cinema e videoarte possano trovare, nel panorama culturale cittadino, spazi sempre più importanti e di pregio.Da parte mia, e per conto dell'amministrazione, faccio al regista Pagliuso i migliori auguri per questo importante traguardo, solo uno dei tanti registrati nella sua lunga carriera, con l'auspicio di portare sempre avanti i propri progetti mantenendo salda l'integrità del suo pensiero creativo.

(Fonte comunicato stampa maggioranza consiliare Corigliano-Rossano / Liliana Zangaro Consigliere comunale)  

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

26 anni. Laurea bis in Comunicazione e Tecnologie dell’Informazione. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia