9 ore fa:Elezioni, Tavernise (M5s): «Sul territorio siamo forza concreta »
7 ore fa:Straface sarà sia consigliere comunale a Co-Ro che consigliere regionale
4 ore fa:Degrado alle Terme di Spezzano Albanese: «Una storia di malagestione che dura da anni»
8 ore fa:Cicogna bianca, nidificazione a rischio per attività di addestramento di cani da caccia
7 ore fa:Cassano, Guerrieri: «Lavoriamo a una lista di partito per le prossime elezioni comunali del 2025»
8 ore fa:Cassano Jonio, al via i lavori di messa in sicurezza di località Grotta della Rena
6 ore fa:A Corigliano-Rossano arriva Roberto Emanuelli
3 ore fa:Antonello Graziano è il nuovo vicepresidente nazionale di Federsanità
3 ore fa:Post voto. Ad Acquaformosa volano le poltrone dai balconi del Comune ma la neo sindaca smentisce
6 ore fa:Zes unica, Coldiretti: «Bene estensione del credito alle imprese agricole che trasformano e commercializzano»

Corigliano, Campolo (FI): "Che fine ha fatto l'Ufficio Europa?"

2 minuti di lettura
“L’attivazione di un Ufficio Europa presso la nostra Sede Comunale non deriva da un adempimento ad obblighi normativi, bensì da una scelta strategica per il futuro della città intera, e delle nuove generazioni innanzitutto, con l’intento di agevolare l’inserimento del territorio nel contesto delle politiche strutturali”. È quanto sostiene il Capogruppo di Forza Italia al Consiglio Comunale di Corigliano Calabro, Gioacchino Campolo, in merito alla costituzione dell’Ufficio Europa, una delle proposte programmatiche alla base del suo programma elettorale dello scorso anno. Nel ribadire l’importanza e la validità dell’idea, Campolo pone alcuni quesiti e riflessioni per conoscere le intenzioni dell’Amministrazione Comunale. “L’Ufficio Europa – sostiene il Consigliere Campolo – sarebbe capace di attrarre investimenti e quindi assicurare un circuito virtuoso di economia, sviluppo, formazione, occupazione. Un idoneo e finora mai realizzato anello di congiunzione tra cittadini e mondo dell’istruzione e del lavoro grazie al ruolo sinergico dell’Ente Comune. La decisione di attivare un Ufficio Europa risponderebbe a diverse ragioni politico-culturali. Negli ultimi anni vi è stata una forte crescita delle politiche di relazioni internazionali degli Enti Locali a cui il nostro Comune per scelte, anzi per non scelte effettuate, non ha mai inteso attivare. Questo sportello, infatti, avrebbe il compito di proporsi alla partecipazione a reti europee, tematiche o generaliste fra Enti di pari livello amministrativo, finalizzata alla presentazione di progetti comuni, o alla creazione di rapporti economici e culturali fra i rispettivi sistemi territoriali; dall’altro, aiuterebbe a far nascere la vocazione alle esperienze di cooperazione decentrata allo sviluppo, sia esercitandola direttamente, che indirettamente, attraverso il sostegno ad organizzazioni e associazioni del proprio territorio. La costituzione di un Ufficio Europa potrebbe inoltre avere la finalità di diffondere la cultura europea e rendere i cittadini di Corigliano più consapevoli e partecipi della vita e delle scelte dell’Unione Europea attraverso la promozione delle opportunità offerte dai fondi europei e la diffusione di informazioni sulle politiche e le strategie comunitarie. Come non pensare agli effetti positivi sortiti grazie all’utilizzo di questo strumento senza citare, quali significativi esempi, i lavori pubblici in fase di realizzazione su via Nazionale a Corigliano Scalo e sul Lungomare di Schiavonea, interventi di riqualificazione resi possibile grazie all’Ufficio Europa della precedente Amministrazione Comunale?”. “La possibilità di integrare le risorse ordinarie pubbliche, in fase di contrazione per le politiche di contenimento del debito pubblico, con le risorse provenienti dall’Unione Europea, – conclude Gioacchino Campolo – rappresenta un’ulteriore motivazione che dovrebbe indurre l’Amministrazione Comunale ad adottare la scelta di costituire l’Ufficio Europa, scelta sulla quale, ad oggi, è calato il totale silenzio. Da una iniziale condivisione in linea teorica, formalizzata mediante apposita delibera, si è passati, di fatto, al nulla realizzato in merito. Il quesito, quindi, è d’obbligo: che fine ha fatto l’Ufficio Europa? Attendiamo chiarimenti e delucidazioni, all’insegna della propositività e del sereno confronto da noi auspicato, anziché consuete risposte piccate che non aiutano di certo a far alzare il livello del dibattito politico e migliorare la qualità della vita della comunità”.
Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.