1 ora fa:Straface sarà sia consigliere comunale a Co-Ro che consigliere regionale
5 ore fa:A Cassano Jonio «è tempo che l'Asp di Cosenza istituisca il servizio dialisi»
4 ore fa:Europee, esulta Verbicaro: Fratelli d’Italia primo partito nel comprensorio del Pollino
2 ore fa:Cicogna bianca, nidificazione a rischio per attività di addestramento di cani da caccia
51 minuti fa:Zes unica, Coldiretti: «Bene estensione del credito alle imprese agricole che trasformano e commercializzano»
1 ora fa:Cassano, Guerrieri: «Lavoriamo a una lista di partito per le prossime elezioni comunali del 2025»
21 minuti fa:A Corigliano-Rossano arriva Roberto Emanuelli
2 ore fa:Cassano Jonio, al via i lavori di messa in sicurezza di località Grotta della Rena
4 ore fa:Pollino Bike Festival, attesa per gli Stati Generali della Ciclovia
3 ore fa:Elezioni, Tavernise (M5s): «Sul territorio siamo forza concreta »

Si è insediato il nuovo Questore di Cosenza Giuseppe Cannizzaro

1 minuti di lettura

COSENZA - «Il rapporto informativo offerto dai collaboratori di giustizia è utile, quando lo stesso inizia a parlare dei suoi interessi personali e familiari. Se arrivano input e suggestioni su altre consorterie contrapposte quello è un campanello di allarme, è il tentativo di rafforzare sé stesso per indebolire gli altri. Occorre approfondire e riscontrare fino alla paranoia le dichiarazioni del collaboratore». È il nuovo Questore di Cosenza, Giuseppe Cannizzaro, a dirlo nel corso della conferenza stampa indetta nel giorno del suo insediamento ufficiale. Cannizzaro subentra a Michele Spina, in pensione dopo il saluto di sabato scorso.

«Controllo del territorio e nessun arretramento nella lotta alla criminalità»

Per Cannizzaro si tratta di un ritorno in Calabria, dove ha ricoperto un ruolo importante alla Sezione Investigativa del Nucleo Antisequestri della Polizia di Stato operante nella locride per poi assumere la vice dirigenza del Commissariato di Villa San Giovanni. Inoltre ha diretto il Commissariato di Polizia di Cittanova e nel 1995 è stato trasferito alla Squadra Mobile di Reggio Calabria, dove ha diretto la Sezione Narcotici e concluso numerose indagini volte al contrasto del traffico di stupefacenti. Ha anche diretto per alcuni anni la Sezione omicidi della Squadra Mobile reggina, della quale è stato Vice dirigente e nella cui veste ha diretto operazioni investigative di contrasto alla immigrazione clandestina, culminate con lo smantellamento di due organizzazioni criminali di respiro internazionale che gestivano gli sbarchi sulle coste calabresi. Dal 2004 ha diretto per cinque anni il Commissariato di Pubblica Sicurezza di Gioia Tauro, dove ha condotto importanti operazioni antimafia che hanno permesso, tra l’altro, di fare luce su traffici e interessi illeciti sul porto di Gioia Tauro, gestiti dallo storico sodalizio mafioso facente capo alle famiglie Molè e Piromalli. Promosso Primo Dirigente nel 2008, dirige per un anno il Commissariato di Polizia di Lamezia Terme. L’ultima esperienza prima di arrivare a Cosenza, alla guida della Questura di Prato. «Non mi discosterò da quelli che sono gli orientamenti già avviati da questa Questura, dagli organi investigativi. Sicuramente non è una provincia che si evidenzia soltanto per gli aspetti legati alla criminalità. Su quelli sicuramente non ci saranno disattenzioni, non ci saranno arretramenti», sottolinea Cannizzaro che poi aggiunge: «Il controllo del territorio ovviamente è importante, mi confronterò con i colleghi della squadra mobile per una maggiore pervasività investigativa».

fonte corrieredellacalabria.it

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.