10 ore fa:Il Metropolita Polykarpos accolto a Corigliano-Rossano: giorno memorabile per la comunità greco-ortodossa cittadina
9 ore fa:Patologie reumatiche, due giornate di approfondimenti all'Unical
Ieri:La Diocesi di Rossano Cariati si prepara alla 50^ edizione delle Settimane sociali dei cattolici
Ieri:La pioggia bagna le piazze di Straface e Stasi: ma la campagna elettorale è già un bollore di attacchi
7 ore fa:Ballarati, autore castrovillarese, conquista anche Napoli
12 ore fa:Accordo Quadro Anci-Conai 2020-2024, giornata di approfondimento alla Provincia
6 ore fa:Baldino (M5s) attacca Occhiuto: «Con la faccia di bronzo fa campagna elettorale nell'Alto Jonio, luogo saccheggiato e depredato»
14 ore fa:Viaggio tra i Feudi della Sila Greca - Il Principato di Campana, Regno indiscusso dei Sambiase per oltre un secolo
15 ore fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie
13 ore fa:Amministrative a Co-Ro, presentata la lista della Lega a sostegno di Straface

Un pezzo di legno del barcone della strage di Cutro sarà custodito nel Mumam di Cariati

2 minuti di lettura

CARIATI – Ricorda nella forma il giogo che veniva utilizzato per gli schiavi, il pezzo di legno appartenuto al barcone disintegratosi a 100 metri dalla spiaggia di Steccato di Cutro lo scorso 26 febbraio e che sarà lasciato in mostra per un mese nella Cattedrale e poi esposto nel Mumam, il Museo delle Migrazioni.

È quanto è stato annunciato in occasione della santa messa in ricordo delle vittime del terribile naufragio, tenutasi oggi (venerdì 24) nella chiesa di San Cataldo, che ha visto la partecipazione del mondo della scuola e dell’associazionismo.

Promosso con la Fondazione Migrantes, l’Arcidiocesi di Rossano – Cariati, Iis Cariati, l’istituto comprensivo e la Cooperativa sociale Agorà Kroton, il momento di preghiera condiviso dall’Amministrazione Comunale si è concluso con il rilascio in mare di una corona di fiori in ricordo delle vittime.

«Difficilmente – ha detto il Sindaco Filomena Greco - dimenticheremo le immagini di quella domenica mattina: quella distesa di corpi senza vita rilasciati alla terra da un mare in tempesta che continua a tenere a sé ancora 11 dispersi. Non dimenticheremo le tante bare bianche ospitate nel Palamilone di Crotone, senza un nome e senza un’identità. Così come non dimenticheremo di quanta solidarietà, tra tutte le difficoltà del caso, quel territorio e quella comunità siano stati capaci».

Il 14 marzo insieme a centinaia di cittadini provenienti da tutta Italia ed a tantissimi sindaci ed istituzioni ero presente alla commemorazione silenziosa di Cutro. Vedere gli occhi spenti, tristi pieni di paura per il futuro dei superstiti e dei famigliari di quanto non ce l’hanno fatta è stato straziante. 

«Abbiamo sentito – ha proseguito - insieme la forza ma anche la solitudine che un piccolo comune di provincia, ha potuto avvertire di fronte ad una tragedia simile; tragedia che neanche una regione che combatte tra mille emergenze, ma allo stesso modo, per allargare l’orizzonte, neanche una nazione, da sola può sperimentare sulla propria pelle. Mancano risorse per contrastare questi numeri epocali».

«Il flusso migratorio ha già registrato in questi primi mesi del 2023 oltre 20 mila arrivi (più del triplo di quelli registrati nello stesso periodo del 2022 e 323 morti e dispersi). Cosa possiamo noi – ha continuato il Primo Cittadino - di fronte a tutto questo? Insieme alla nostra umana ed immancabile solidarietà, è necessario che l’Unione Europea garantisca aiuti nonché seri controlli nei e dai paesi d’origine di queste vere e proprie tratte. Perché possiamo parlare di politiche dell’inclusione e dell’integrazione quanto vogliamo, essere accoglienti, come del resto lo siamo, ma senza soluzioni dall’alto continueremo a contare morti e ad essere solo terra di naufragi. Poco una regione povera come la nostra può offrire ai tanti migranti che con gli occhi e il cuore pieno di speranza per un futuro migliore si imbarcano su natanti fatiscenti e pericolosi per raggiungere le nostre coste. Possiamo solo accoglierli con il calore e l’affetto che contraddistingue il nostro popolo e con il ricordo dei nostri nonni emigrati per le Americhe anche loro per avere e dare ai loro figli un futuro migliore. Ma se non cambia la politica europea – ha chiosato la Greco - se non si capisce che occorre, che è necessario aiutare queste donne e questi uomini, che è necessario dare loro i mezzi e gli strumenti per costruire un futuro degno di essere vissuto si alimenterà sempre più il contrasto di povertà».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.