2 ore fa:Co-Ro, finanziamento da oltre 1milione di euro per l’asilo nido comunale di via Maradea
3 ore fa:All’Istituto “Palma” di Co-Ro riflessione sulla Shoah attraverso l’arte
3 ore fa:“Diventa anche tu volontario”, un nuovo corso della Croce Rossa a Co-Ro
1 ora fa:La presenza dei Salesiani in città, 29 anni di attività formativa ed educativa non solo per i giovani
1 ora fa:La Vignetta dell'Eco
3 minuti fa:I Ciommetti, due giovani dall'animo antico che profuma di tradizione: la loro vita da osti
2 ore fa:Niente voli diretti Crotone-Roma. «Una situazione imbarazzante che dovrebbe far riflettere»
2 ore fa:Strategie elettorali: dalla mossa del cavallo a quella del Re
33 minuti fa:Fusione Cassano-Castrovillari, quali sono le reali motivazioni alla base di questo lungimirante progetto?
1 ora fa:Auser Corigliano collabora con le scuole del territorio per dar vita al Bosco Urbano

Inquinamento elettromagnetico, ora serve una normativa regionale stringente per evitare danni ai territori

2 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - La recente presa di posizione pubblica, da parte del sindaco di Cassano Jonio, Gianni Papasso, a proposito dell’inquinamento elettromagnetico, è la punta di in iceberg che, anche qui a Corigliano-Rossano, va ingrandendosi sempre di più. L’aumento considerevole di antenne per la telefonia pubblica e privata, pone irrimediabilmente degli interrogativi, primo fra tutti, quello legato all’incidenza che questi apparati possono avere sulla salute dei cittadini. In tale direzione è da anni che è stato avviato un acceso dibattito, ma a conti fatti, non si è voluto stabilire, in maniera scientifica l’incidenza che il cosiddetto “inquinamento elettromagneti” ha sull’aumento, davvero importante, dei casi tumorali sul nostro territorio.

È chiaro che qui non si vuole fare del facile allarmismo, anche perchè si tratta di questioni abbastanza delicate, ma, nello stesso tempo, è necessario che si intervenga con decisioni di carattere legislativo per regolamentare la problematica.

Ecco perchè bene ha fatto il sindaco Papasso ad investire del problema il presidente del Consiglio regionale, Mancuso, ed il presidente della regione, Occhiuto. Infatti il primo cittadino cassanese, ma quello di Corigliano-Rossano e tutti i sindaci calabresi si trovano senza strumenti legislativi per poter valutare se quell’antenna può essere collocata in quel posto oppure no. E’ quanto accaduto nei giorni scorsi a Cassano Jonio è l’ultimo caso di una lunga serie, li Papasso è stato costretto a bloccare l’installazione di un impianto perchè troppo vicino ad una zona densamente abitata nonchè vicino ad una scuola dell’infanzia, da qui l’iniziativa del sindaco che nella lettera, tra l’altro, scrive «Mi duole constatare che la Regione Calabria attualmente è una delle pochissime​ regioni italiane, se non l’unica, a non essersi dotata di una normativa regionale di riferimento riguardante la protezione ambientale e la prevenzione dei danni derivanti dall’esposizione dai campi elettromagnetici, a mio avviso fondamentale e necessaria. Una disciplina inerente la riduzione e la conformità dei limiti di esposizione al campo elettromagnetico ai sensi e per gli effetti della legge n.36 del 22 febbraio 2001 “Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici».

Ecco perché vi è la necessità di fornire ai sindaci norme abbastanza precise, ciò per evitare «che si determinano tensioni – scrive Papasso - che sfociano in gravissime preoccupazioni per la tenuta dell’ordine e della sicurezza pubblica. A ciò si aggiunge che di fronte al vuoto normativo regionale molto spesso i sindaci sono costretti ad assumere provvedimenti che però si infrangono dinnanzi a sentenze del Tar e del Consiglio di Stato». Riteniamo che i tempi siano abbastanza maturi affinchè la Regione Calabria si doti di una legge quadro in materia, tenuto conto che l’attuale presidente Occhiuto essendo anche commissario per la sanità, può agire in perfetta autonomia senza dover correre il rischio che il commissario di turno, come avveniva nel recente passato, intervenga stoppando l’iniziativa regionale.

Giacinto De Pasquale
Autore: Giacinto De Pasquale

Classe 1958, ha profondo rispetto per il lettore, da qui il motto “prima la notizia e poi il resto”. Giornalista dal 2002. È dal lontano 1976 che inizia a scrivere sul “Giornale di Calabria” di Pietro Ardenti. Inizialmente si occupa solo di cronache sportive. Sempre dal 1976 con “Radio Libera Corigliano” e poi con varie emittenti quali TLC, Video Erre e TeleA1 Corigliano. Nel corso degli anni si occupa anche di cronaca nera, politica e culturale. Ha collaborato con Gazzetta dello Sport, Gazzetta del Sud e Il Quotidiano della Calabria. È direttore della prestigiosa rivista culturale “Il Serratore” e gestisce il blog ilcoriglianese.it. Nel 2014 è nella redazione fondante de “L’Eco dello Jonio”. Oggi ritorna con l’entusiasmo di chi sa che fare informazione in questa nostra terra di Calabria è difficile, ma grazie all’Eco dello Jonio tornerà a raccontare in maniera sincera quello che accade, per contribuire alla crescita sociale e culturale di questo nostro fantastico territorio