6 ore fa:A Longobucco «la casa di comunità ci sarà e sarà una grande risorsa sanitaria per il nostro territorio»
10 ore fa:Rottamazione cartelle esattoriali. «Stasi approva la nostra proposta, ma trasuda populismo»
8 ore fa:La Vignetta dell'Eco
9 ore fa:Mister Tommaso Napoli è il nuovo allenatore del Castrovillari Calcio
7 ore fa:Bullismo e cyberbullismo, a Co-Ro un corteo di sensibilizzazione. Ecco quando
5 ore fa:Sul Treno della Sila prende il via il Carnevale, tra maschere e tante sorprese
8 ore fa:Questione Tribunale, si cerca coesione politica e Stasi detta la più importante delle regole d’ingaggio
10 ore fa:«Non consentiremo lo smantellamento della sanità pubblica e della scuola pubblica statale»
9 ore fa:Plesso Sorrento, a Crosia «avviate le procedure per individuare eventuali soprusi a danno di bambini e docenti»
10 ore fa:L’Aletti progetta e realizza “aule aperte”: studenti in visita a Cosenza e Tarsia

Una vita di sudori, buio e pericolo: la festa di Santa Barbara tra i minatori della nuova Statale 106

2 minuti di lettura

TREBISACCE – Quando là, nel profondo, trepido/ accendo la miccia/ e la mina sta per brillare:/ Tu mi proteggi! - È una delle preghiere più belle e struggenti quella con quale i minatori invocano la protezione di Santa Barbara, quella donna cristiana che secondo l’agiografia riuscì a sfuggire alla tortura delle fiamme e per questo glorificata sugli altari come protettrice di tutti coloro che lavorano con la terra e con il fuoco. I vigili del fuoco, su tutti, ma anche i minatori.

E proprio ieri sera, nel giorno che precede il dì di festa, nei sapori antichi e leopardiani di un sabato del villaggio, il gruppo di operai che da settimane – ormai – lavora nella pancia delle terre dell’alto Jonio calabrese per realizzare le gallerie della nuova statale 106, Sibari-Roseto, si è ritrovato per festeggiare la santa patrona.

Tavole imbandite e semplici, arrangiate su cavalletti e travi di legno, i secchi che trasportano la terra trasformati in sgabelli, i badili delle ruspe a fare da dispensa; e poi le chitarre, gli organetti, il vino novello nei fiaschi di vetro. E la tuta pulita a fare da vestito buono per la festa. Nessuna eccessiva modernità in un luogo dove, paradossalmente, si sta creando il futuro. Se non fosse stato per quegli smartphone che li tengono “attaccati” ai loro familiari distanti centinaia di kilometri, quell’angolo di cantiere dove ieri sera i minatori del terzo megalotto si sono ritrovati per fare comunità in memoria della loro santa patrona, poteva essere catapultato in luogo senza tempo. Nessuno ci avrebbe fatto caso.

Occhi stanchi e rossi, fiaccati dal buio perenne e illuminati soltanto dalle luci delle fotocellule e dalla polvere. Per i minatori non c’è giorno e notte, non c’è buon tempo o cattivo tempo. Non esistono le stagioni. Per loro, la loro vita, è solo sabbia e pietra nelle viscere della terra. Ogni momento, ogni giorno della loro vita lavorativa. Ne parliamo poco a queste latitudini. Il lavoro del minatore non è usuale da queste parti. Eppure questo “mestiere” che è più che altro una missione è legata a doppio filo con questa terra, che ha partorito generazioni di lavoratori che sono emigrati all’estero proprio per andare a fare fortuna nelle miniere. E che fortuna poi!? Vivere senza vita per portare a casa i soldi per sostenere la famiglia: è solo quello che può portare un uomo a spingersi oltre i limiti della normalità, in un luogo buio e anonimo, senza panorami e forse senza nemmeno emozioni.

Ecco perché questi uomini non possono essere dimenticati nel loro lavoro. Lo sanno bene, oggi, più di ieri quando questa classe operai veniva resa invisibile dalla società, i sindacati e gli stessi datori di lavoro. A festeggiare, ieri sera, Santa Barbara nel grande cantiere di Trebisacce c’erano pure i rappresentanti delle associazioni di categoria, c’erano i tecnici e i rappresentanti della società. Perché oggi del lavoro di questi uomini c’è una consapevolezza nuova, diversa, vera. E Santa Barbara è lì a vegliare su di loro.

Marco Lefosse
Autore: Marco Lefosse

Classe 1982, è schietto, Idealista e padre innamorato. Giornalista pubblicista dal 2011. Appena diciottenne scrive alcuni contributi sulla giovane destra calabrese per Linea e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizia a muovere i passi nei quotidiani regionali. Collabora con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 accoglie con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia, Genevieve Makaping, ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 scrive per Calabria Ora. Nell’aprile 2018 entra a far parte della redazione di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese. Dall’1 giugno del 2020, accoglie con piacere ed entusiasmo l’invito dell’editore di guidare l’Eco Dello Jonio, prestigioso canale di informazione della Sibaritide, con una sfida: rigenerare con nuova linfa ed entusiasmo un prodotto editoriale già di per sé alto e importante, continuando a raccontare il territorio senza filtri e sempre dalla parte della gente.