7 ore fa:Dopo quasi 40 anni tornano in Calabria tre rotabili d’epoca di inestimabile valore
3 ore fa:Ramificazioni Festival, continuano gli appuntamenti della danza d'autore
4 ore fa:Il rossanese Luigi Canotto è il miglior giocatore della Serie b del mese di novembre
6 ore fa:Olivo sugli eventi natalizi: «Iniziative annunciate solo 24h prima. Nessuna programmazione e zero marketing»
6 ore fa:Per Stasi la fusione «ha sconvolto assetti di potere e sistemi di convenienza radicati»
4 ore fa:Urbanistica, consumo di suolo zero e città verticali inesistenti: questo Psa è un piano fallimentare
5 ore fa:Quando piove e "vengono a galla" tutti i problemi di un territorio
7 ore fa:Manovra finanziaria, la Cisl chiede modifiche su investimenti, pensioni, politiche dei redditi e sanità
8 ore fa:Corigliano-Rossano fa scuola di “buone pratiche”
6 ore fa:Torna "Retake" con un nuovo appuntamento a tema natalizio: "Com' nu presep"

La Calabria e la sfida dei processi di transizione, se ne parlerà all’assemblea annuale di Confindustria Cosenza

1 minuti di lettura

COSENZA - “Tempo di cambiamenti. La Calabria e la sfida dei processi di transizione” è il tema scelto da Confindustria Cosenza, sede territoriale di Unindustria Calabria, per l'Assemblea annuale dei soci che si svolgerà, presso la propria sede in Via Tocci in Cosenza, il prossimo venerdì 25 novembre 2022, con inizio dei lavori alle 10:30.

«In un momento contrassegnato da tante incertezze - sottolinea il presidente degli industriali cosentini Fortunato Amarelli - è necessario fare il punto su come affrontare in maniera efficace e proattiva i cambiamenti in atto. Riteniamo che la transizione ecologica, in uno con quella digitale, sociale ed economica, avrà un impatto diretto sulle scelte di cambiamento tanto nella pubblica amministrazione che nel sistema dell’imprenditoria privata e nella società in generale. Sarà importante prepararsi in maniera adeguata per riuscire a governare i processi con competenza e senso di responsabilità. Insieme ai rappresentanti delle istituzioni, del mondo della ricerca sociale ed economica e delle imprese, rifletteremo sugli scenari che si stanno delineando, provando ad immaginare ipotesi di governance economica a sostegno della crescita».

Dopo gli indirizzi di saluto del sindaco di Cosenza Franz Caruso e del presidente di Unindustria Calabria Aldo Ferrara, seguirà la relazione a cura del presidente Fortunato Amarelli.

Interverranno il docente della Luiss School of Government Massimiliano Panarari, il presidente di Assafrica e Mediterraneo Massimiliano Dal Checco, il vice Presidente Ance e presidente Comitato Mezzogiorno e Isole Giovan Battista Perciaccante, il vicepresidente di Confindustria Emanuele Orsini ed il presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto.

«Obiettivo del confronto – specifica il presidente di Confindustria Cosenza Fortunato Amarelli - è dare utili informazioni agli imprenditori sugli scenari che si stanno delineando, in modo da poter pensare agli investimenti necessari ed eventuali riposizionamenti per garantire futuro alle aziende e mantenere il livello di competitività. Le sfide che ci attendono sono impegnative, serviranno decisioni strategiche per affrontarle in maniera adeguata».

«Se questo vale per le imprese – conclude il presidente Amarelli - a maggior ragione vale per le pubbliche amministrazioni che devono modulare le politiche di sviluppo e adeguare la macchina amministrativa e l'organizzazione dei servizi. Il confronto a più voci in assemblea è stato pensato per dar vita ad un momento sinergico con la consapevolezza che si può vincere solo insieme». 

Seguirà la consegna di riconoscimenti alle imprese aderenti a Confindustria Cosenza da 50 e da 25 anni: Azzinnari Eugenio Eredi snc di Santa Sofia d’Epiro, Cinema Teatro San Marco di Corigliano-Rossano, Mastrosimone Costruzioni srl di Montalto Uffugo, Parise Fratelli snc di Castrolibero, Ca.dis srl di San Marco Argentano, La Molazza sas di Corigliano - Rossano, Edil s.d di Castrolibero, Calabra Maceri e Servizi spa di Rende, Italbacolor srl di Fuscaldo.                      

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.