12 ore fa:Facoltà di Archeologia: serve un distaccamento nella Sibaritide
14 ore fa:Caso tesseramenti Pd Calabria, Palopoli: «Io cancellato dagli elenchi. Qualcuno ha agito per interesse»
32 minuti fa:Trebisacce, lavori di riqualificazione per rendere il lungomare cittadino ancora più distintivo
12 ore fa:Il Maestro pizzaiolo Tangari (Pedro's) ospite all'Official Opening Party Festival di Sanremo '23
13 ore fa:Piano europeo della lotta contro il cancro: proiettato a Bruxelles il film “Io resto qua”
12 ore fa:Manager finlandesi innamorati di Mi ‘Ndujo: «Fast food calabrese pronto a conquistare il mondo»
2 minuti fa:«Lungomare e demolizione delle ciminiere sono prioritari». Le parole di Stasi
10 ore fa:Senza riscaldamenti: ferma la protesta del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Castrovillari
11 ore fa:Meteo nella Sibaritide, previsioni in peggioramento: attesa la neve nei centri storici di Corigliano e Rossano
13 ore fa:Domani è allerta gialla su Sibaritide-Pollino: si prevedono neve e forti mareggiate

Storie di adozioni sulla SS106, un cane salvato e adattato dalla Polizia. Ora si chiama Lucky

1 minuti di lettura

AMENDOLARA - Un cane meticcio, sorpreso a vagare spaurito sulla Strada Statale 106 con il rischio di essere travolto e di mettere a repentaglio la vita degli automobilisti in transito, è stato tratto in salvo dai componenti di una pattuglia del distaccamento della Polstrada di Trebisacce.

L’animale, di circa un anno, è stato soccorso dai poliziotti in località Tarianni nel territorio del comune di Amendolara e uno degli agenti intervenuti ha chiesto di poterlo adottare. I poliziotti, allertati dalla sala operativa sulla situazione di rischio venutasi a creare sull’arteria, hanno raggiunto il luogo indicato trovando il meticcio che non appariva né malnutrito, né maltrattato. Inoltre, aveva sia il collare che il guinzaglio, cosa che ha fatto presupporre che fosse stato abbandonato.

«Essendo un amante dei cani e avendone già uno - ha detto l’assistente capo Mario Renne che guidava la pattuglia - mi sono avvicinato e subito è nato tra noi un vero e proprio feeling. Io l’ho accarezzato e lui mi ha leccato. Subito dopo lo abbiamo portato al canile di Villapiana e lì abbiamo verificato che era privo di microchip. A quel punto ho manifestato la volontà di volerlo adottare, attivando le previste procedure, e di dargli il nome di Lucky».

(Fonte e foto ansa)

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

25 anni. Laureata in scienze della comunicazione. Laureanda magistrale in comunicazione e tecnologie dell’informazione. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia