1 ora fa:Si anima la discussione attorno alla banchina crocieristica. Realizzarla? Certo! E su questo non devono esserci dubbi
2 ore fa:Il tentativo coraggioso di rianimare una sinistra morente a Corigliano-Rossano e sul territorio
3 ore fa:«Il Governo sia chiaro sugli stanziamenti per la Statale 106. La Calabria merita serietà e rispetto»
1 ora fa:Il Museo della Sibaritide ospita la premiazione dei vincitori di Wiki Loves Monuments Calabria '22
3 ore fa:L’istituto “Amarelli” ricorda le concittadine Maria Rosaria Sessa e Fabiana Luzzi in una profonda commozione
3 ore fa:Una clementina per dire no alla violenza sulle donne: l’iniziativa promossa da Confagricoltura Donna
53 minuti fa:Aumento della videosorveglianza a Corigliano-Rossano: venti nuove postazioni
2 ore fa:Destinazione Sibari: il perno dello sviluppo per la Calabria del nord-est
4 ore fa:Gli invisibili. La casa popolare è inagibile, va al Comune ma le porte per lei sono sbarrate
33 minuti fa:L'Istituto musicale “Donizetti” ha inaugurato il nuovo anno accademico: si riparte con 96 iscritti

Stasera Giove si troverà nel punto più vicino alla Terra: visibilissimo sullo Jonio

1 minuti di lettura

CALABRIA - Da settimane una luce brillante ha richiamato l’attenzione su di sé, in basso nel cielo orientale serale: brilla con un bagliore argenteo e, quando sale più in alto, nella parte est-sud/est del cielo, diventa protagonista incontrastata. Non si tratta di una stella, ma di un pianeta, che prende il nome dal re degli dei: Giove. 

Questi giorni sono particolarmente propizi, perché vedremo il gigante gassoso diventare più grande e luminoso che mai dal nostro punto di osservazione terrestre, perché si sta avvicinando al perielio, cioè il punto (nella sua orbita di 12 anni) che lo colloca più vicino al Sole.

Giove ora appare più grande dell’11% e più di una volta e mezza più luminoso di quanto non fosse nell’aprile 2017, quando era vicino all’afelio (il punto della sua orbita più lontano dal Sole). Si avvicina inoltre l’opposizione (26 settembre): in questo periodo è in cielo tutta la notte, dal tramonto all’alba.

Sempre il 26 settembre Giove si troverà nel punto più vicino alla Terra dal 1963. Si troverà a 591.168.168 km di distanza. Potrebbe non sembrare esattamente “vicino”, ma è così grande e luminoso che non solo è facilmente visibile ad occhio nudo, con un piccolo telescopio appare grande quanto la Luna ad occhio nudo. E sullo Jonio lo spettacolo è assicurato... tempo permettendo

(Fonte meteo web)

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

25 anni. Laureata in scienze della comunicazione. Laureanda magistrale in comunicazione e tecnologie dell’informazione. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia