8 ore fa:Co-Ro, manifestazione d'interesse per associazioni per contenere il fenomeno randagismo
8 ore fa:Co-Ro, il Pd si felicita con Aldo Zagarese per la candidatura a consigliere provinciale
9 ore fa:ECO IN DIRETTA (pt9) - Dalla sanità alla giustizia: Sibaritide affonda nei diritti negati
6 ore fa:Concessioni demaniali per finalità turistico-ricettive, la legge di proroga al 2033 va disapplicata
7 ore fa:Ad Amendolara nasce “il giardino della Memoria” in ricordo dei bimbi ebrei vittime dell’Olocausto
6 ore fa:Apre a Cosenza "Spazio CDP", il punto informativo territoriale per imprese e pubbliche amministrazioni
7 ore fa:Sibari-Co-Ro, Anas ha avviato le attività di studio del territorio per il nuovo tracciato
6 ore fa:Amarelli tra liquirizia e design: l’artista Lodola firma la scatolina limited edition
8 ore fa:Vaccinazione antinfluenzale, conclusa la somministrazione ai lavoratori regionali
8 ore fa:Filiera olivicolo-olearia, Parentela (M5S) sollecita Battistoni a convocare il Tavolo del settore

Frecciargento Sibari-Bolzano: timore tra i pendolari. Stop prenotazioni al 31 dicembre

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - «I biglietti del frecciargento Sibari-Bolzano dal primo gennaio 2022 ancora non sono acquistabili sul portale di Trenitalia». A riscontrare questa anomalia è il Comitato cittadino della Ferrovia Jonica. Che, in una nota a firma di Giuseppe Martino e Giovanni Marsala, lanciano l'allarme affinché si faccia luce sul destino dell'unico grande treno ad alta velocità che collega la Calabria del nord est con il resto del Paese.

«Il treno dovrebbe esser confermato - scirvono - sebbene la regione Calabria che da sempre ne finanzia l'operatività non abbia diramato in questi mesi alcun comunicato circa il suo rinnovo». Questo sarà il primo grande dilemma da chiarire considerata la lunga parentesi in amministrazione ordinaria che ha attraversato la Regione nel corso deglo ultimi mesi.

«I biglietti del frecciargento - scinvono ancora Martino e Marsala - che collega la sibaritide soprattutto a Roma sono acquistabili fino al 31 dicembre 2021. Questo problema è dovuto, sicuramente, al cambio orario che puntualmente ogni anno Trenitalia compie intorno al 12 dicembre». Potrebbe essere un'ipotesi ma non l'unica. L'altra è quella che la tratta del treno possa essere realmente ridotta in base alle esigenze strutturali e commerciali della grande società ferroviaria statale.

«Vigileremo su questo aspetto - dicono ancora dal Comitato - che, comunque, demotiva i passeggeri abituati a programmare con largo anticipo i propri viaggi impauriti dal "caro biglietto". Rimane viva la speranza che i frecciargento Sibari-Roma-Bolzano, 8509 e 8519, possano raggiungere maggiori livelli di riempimento e quindi superare lo stato di treno sperimentale che permetterebbe di evitare anche l’esborso economico di oltre un milione di euro per le esigue casse regionali».

Certo, il fatto che proprio di recente sia stata rinnovata la convenzione del treno regionale in coincidenza con il frecciargento da e per Crotone «ci tranquillizza molto - scrivono ancora - e, quindi, siamo speranzosi che nei prossimi giorni i biglietti siano acquistabili anche per il mese di gennaio 2022».

Nel frattempo, però, dal comitato invitano le istituzioni regionali e parlamentari affinché «abbiano conferma circa il rinnovo del frecciargento nel minor tempo possibile così che i cittadini calabresi residenti al nord possano tranquillamente programmare il proprio rientro nella nostra terra».

Marco Lefosse
Autore: Marco Lefosse

Classe 1982, è schietto, Idealista e padre innamorato. Giornalista pubblicista dal 2011. Appena diciottenne scrive alcuni contributi sulla giovane destra calabrese per Linea e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizia a muovere i passi nei quotidiani regionali. Collabora con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 accoglie con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia, Genevieve Makaping, ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 scrive per Calabria Ora. Nell’aprile 2018 entra a far parte della redazione di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese. Dall’1 giugno del 2020, accoglie con piacere ed entusiasmo l’invito dell’editore di guidare l’Eco Dello Jonio, prestigioso canale di informazione della Sibaritide, con una sfida: rigenerare con nuova linfa ed entusiasmo un prodotto editoriale già di per sé alto e importante, continuando a raccontare il territorio senza filtri e sempre dalla parte della gente.