18 ore fa:Co-Ro, «la partenza dell’anno scolastico è un importante segnale»
17 ore fa:Calcio, Castrovillari alla ricerca della prima vittoria casalinga
1 ora fa:Corigliano-Rossano, Monsignor Maurizio Aloise ha fatto visita ai detenuti della Casa di reclusione
5 ore fa:Personale di pittura di Nigro al Castello Aragonese di Castrovillari
4 ore fa:Fondi consiliari, la Lega restituisce 155mila euro alla Regione «dimostrando di essere virtuosa»
3 ore fa:Ad Altomonte ogni alunno potrà fare “un tuffo nell’arte alla ricerca di se stesso”
2 ore fa:In Calabria «occorre rilanciare la medicina territoriale e la centralità del management sanitario»
18 ore fa:Consorzio di Tutela dei Fichi di Cosenza DOP, presentata oggi la nuova campagna di comunicazione
17 ore fa:Cosenza, ecco i vincitori del festival della cinematografia sportiva
1 ora fa:Riunione politica-programmatica della Lega a Corigliano-Rossano

Castrovillari firma un protocollo d'intesa con il penitenziario per il reinserimento sociale dei detenuti

1 minuti di lettura

CASTROVILLARI – Affacciarsi nuovamente al mondo sociale, per i detenuti, è sempre un passaggio delicato e spesso difficile. Un tema, questo, molto caro al direttore della casa circondariale “Rosetta Sisca” di Castrovillari, Giuseppe Calà, che punta tanto sul valore del reinserimento sociale dopo il carcere.

E’ per questo che, questa mattina a Castrovillari, il Comune ha firmato un protocollo d’intesa proprio con il penitenziario cittadino, uno dei più importanti del territorio, al fine di favorire, dopo la pena, un reinserimento nella società con iniziative di recupero che guardano al trattamento educativo e rieducativo dei detenuti.

Alla firma del protocollo d’intesa erano presenti il funzionario giuridico pedagogico del penitenziario, Loredana Amodeo, e Luigi Bloise avvocato che ha curato per conto della casa circondariale l’iter burocratico per la concretizzazione del progetto.

«Un’iniziativa che si muove - ha spiegato il direttore Carrà prima della firma - per affermare la dignità del detenuto anche attraverso lavori di pubblica utilità. Condizioni che riteniamo fondamentali per un lavoro sinergico contro l’emarginazione».

«Da qui – ha invece aggiunto il sindaco, Mimmo Lo Polito - il bisogno, sempre maggiore, di attività che sostengano stili di vita diversi per contrapporsi alla disuguaglianza e alla superficialità. Il Comune di Castrovillari, tra l’altro, nei giorni scorsi ha siglato l’accordo di collaborazione con l’Ufficio Esecuzione Penale Esterna di Cosenza per la cosiddetta operosità a valenza riparativa».

Il progetto verrà attivato anche attraverso il contributo dei alcuni club di servizio cittadini, Lions e Kiwanis e dall’associazione Anpana che avrà il compito di seguire i detenuti sul loro posto di lavoro.

Paola Chiodi
Autore: Paola Chiodi

Curiosa, solare e precisa. Laureata in Comunicazione e Dams all'Università della Calabria, ha perfezionato gli studi con un Master in Giornalismo e Comunicazione insieme alle più grandi firme del panorama nazionale. Dal copywriting e la comunicazione per il web è entrata da subito nel mondo del giornalismo televisivo, come inviata e conduttrice di format, speciali e servizi. Si occupa di eventi culturali, per i quali è responsabile dell'ufficio stampa e cura la comunicazione istituzionale di associazioni e confederazioni nazionali. La sua più grande passione è l’arte, ma adora anche il vintage e il teatro (dalla commedia all’opera).