19 ore fa:Calcio, Castrovillari alla ricerca della prima vittoria casalinga
5 ore fa:Fondi consiliari, la Lega restituisce 155mila euro alla Regione «dimostrando di essere virtuosa»
2 ore fa:Corigliano-Rossano, Monsignor Maurizio Aloise ha fatto visita ai detenuti della Casa di reclusione
5 ore fa:Ad Altomonte ogni alunno potrà fare “un tuffo nell’arte alla ricerca di se stesso”
6 ore fa:Personale di pittura di Nigro al Castello Aragonese di Castrovillari
3 ore fa:In Calabria «occorre rilanciare la medicina territoriale e la centralità del management sanitario»
18 ore fa:Cosenza, ecco i vincitori del festival della cinematografia sportiva
2 ore fa:Riunione politica-programmatica della Lega a Corigliano-Rossano
29 minuti fa:Green Pass: anche Corigliano-Rossano dice No. Sabato mattina in piazza
19 ore fa:Co-Ro, «la partenza dell’anno scolastico è un importante segnale»

Referendum sull'eutanasia, il Movimento per la vita italiano propone la raccolta firme

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - Trovandoci in piena campagna elettorale, e al fine di evitare qualsivoglia strumentalizzazione di carattere politico e ideologico su una tematica così preziosa qual è appunto la Vita, il Movimento per la Vita di Corigliano-Rossano propone un comunicato stampa del Movimento per la Vita Italiano del 17/08/2021.

«La raccolta delle firme per il referendum sull'eutanasia è un'altra nube scura che i radicali fanno piombare sul nostro Paese. Purtroppo non c'è da stupirsi visto che la mentalità eutanasica è già tutta ricompresa nella cultura abortista. Si tratta sempre di negare il valore della vita umana nell'estrema fragilità. L'autodeterminazione è il paravento che serve a legittimare la cultura dello scarto a tutto danno della vera libertà e dell'autentica solidarietà, dentro un impasto di paura, ignoranza, solitudine, scarsità di aiuti, carenza di risposte adeguate ai reali bisogni, ecc».

«Nessuno vorrebbe avere a che fare con malattia e disabilità gravi. Per questo in molti pensano che prevarrà l'inganno dell'ideologia radicale. Staremo a vedere. Ma, a ben guardare, non sarebbe questa la sconfitta da temere di più, perché queste battaglie implicano tempi lunghi per realizzare le condizioni culturali del cambiamento. Ben più amara sarebbe la nostra incapacità di realizzare una mobilitazione generale, in unità di intenti e di strategie, in spirito collaborativo e propositivo, senza dispersioni, protagonismi, che fronteggi questa nuova ondata ideologica contro la vita umana per rilanciare ancora più in alto il valore di ogni uomo, sano o malato che sia».

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

24 anni. Laureata in scienze della comunicazione. Laureanda magistrale in comunicazione e tecnologie delle informazioni. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia