16 ore fa:A Trebisacce nasce un emporio solidale per far fronte alla crisi e alla povertà
Ieri:La Calabria sotto i riflettori della Rai: domani la prima delle due puntate di “Linea Verde”
20 ore fa:Per il CoRo Family Fest arriva "Zampalesta, u cane tempesta"
14 ore fa:Schiavonea, Polizia locale in azione: maxi sequestro di migliaia di bijoux
15 ore fa:Rocca Imperiale nel Decennio francese, il Risorgimento e l’Unità d’Italia
17 ore fa:Accusati di spaccio di droga, sono stati assolti due giovani di Corigliano-Rossano
21 ore fa:Inizia la movida estiva a Co-Ro ma la strada di Fabrizio Piccolo è piena di immondizia
13 ore fa:"Quella sera a Parigi" di Isabella Freccia è una storia d'amore che si divide tra passione e nostalgia
23 ore fa:8 ore e 35 minuti da Reggio Calabria a Sibari, in una regione che vuole fare turismo. Ma fate sul serio?
22 ore fa:U' San Giuvanni e quell'antico "patto" del comparaggio che nasce da... U' Pùpulu

La guerra in casa nostra, l'Italia rischia di dire addio a frutta e verdura della Sibaritide

CORIGLIANO-ROSSANO - La produzione delle eccellenze agricole della Piana di Sibari e della Sila messe in ginocchio dalla crisi economica generate dalla guerra in Ucraina: caro gasolio, caro materie prime, caro... tutto. Ecco come aziende floride e coraggiose rischiano di non produrre più. E a rischio non c'è solo la produzione ma anche migliaia di posti di lavoro. Il servizio della giornalista Simona Angela Gallo tra le aziende della Piana di Sibari e della Sila, andato in onda su Rete4 lo scorso martedì 3 maggio 2022 durante il talk "Fuori dal Coro" condotto dal direttore del Tg4 Mario Giordano, mette in luce una situazione allarmante e preoccupante che ormai tutti vivono da mesi ma che solo il Governo sembra non essersene accorto. 

Tra gli intervistati anche i produttori della rinomata Pesca di Sibari e della Clementina di Corigliano-Rossano. Su tutti i coriglianorossanesi Francesco Graziani e Domiziano De Rosis che, insieme a Diego Lapietra, rappresentano il cuore aziendale di una delle più importanti realtà produttive agricole della Calabria del nord-est. «Visto i costi esorbitanti di produzione - ha detto Graziani mostrando le belle pesche in maturazione sugli alberi - il prodotto di quest'anno rischia di saltare. Se non riusciamo a coprire i costi - ha spiegato - c'è il fondato pericolo di non raccogliere». E quindi che il frutto rimanga sull'albero. Insomma, una classe imprenditoriale strozzata dai costi di produzione e con il calo degli ordini vendere la frutta è sempre più difficile. «Andiamo avanti - ha chiosato Graziani incalzato dalla giornalista Gallo - solo per amore della terra».

E insieme alle pesche non se la passano meglio nemmeno le produzioni agrumicole, quelle delle arance e della clementina, messe in ginocchio dagli effetti della guerra in Ucraina e dalla concorrenza estera. E siccome il raccolto non si butta mai, perché è un dono di Dio e della natura, non resta, allora, che «regalarlo». Come ha ribadito in modo laconico e lapidario Domiziano De Rosis.

Insomma, una situazione assurda, che ha ormai oltrepassato i limiti dell'immaginabile. Fino a quando sarà così? Almeno fino a quando il Governo italiano non si accorgerà della necessità di dare finalmente concretezza ad una politica sì europeista ma con un sano pizzico di sovranismo o amor patrio. Che a questo punto non farebbe assolutamente male.