3 ore fa:Lavoro e sicurezza, iniziativa interregionale della Cisl: "Conoscere per prevenire e tutelare"
2 ore fa:La vicenda della Baker&Hughes «diventi una questione politica seria»
29 minuti fa:L'opposizione incalza Stasi: «Quattro assessori uscenti bocciati dall'elettorato. Nessuna riflessione?»
2 ore fa:Iacucci e Bevacqua d’accordo con Occhiuto: «l’Autonomia Differenziata è un errore»
3 ore fa:Allerta caldo, le raccomandazioni del Soccorso Alpino e Speleologico Calabria
1 ora fa:Addio a Ugo Striano, un punto di riferimento per la sanità jonica
59 minuti fa:Asili nido, cresce l'offerta anche nella Calabria del Nord Est
3 ore fa:"Per la Rinascita di Longobucco" denuncia il mancato rispetto delle quote di genere nella Giunta Comunale
1 ora fa:Un anno di silenzi dopo la scoperta della presenza di metalli pesanti nell'ambiente
2 ore fa:All'Odissea2000 si fa anche educazione alimentare con tanti piatti di qualità

Trebisacce: Sfiorata la tragedia sulla provinciale 253

1 minuti di lettura
Sfiorata per l’ennesima volta la tragedia in un incidente stradale verificatosi ieri mattina alle 11.30 su uno dei tre viadotti che, sulla strada provinciale 253 che collega Trebisacce con Villapiana, by-passano il torrente Saraceno. Tre ponti ormai tristemente noti per i numerosi incidenti che vi si sono verificati nel corso degli anni perché la loro angustia porta a un improvviso restringimento della carreggiata. Solo per un caso fortunoso il bilancio dell’ennesimo incidente non è stato fatale perché su una delle due vetture scontratesi all’interno del ponte c’era un bambino, B. A. di appena 2 anni, che si trovava in braccio alla mamma di nazionalità marocchina, F.F. 45 anni, che era seduta di fianco al marito, anche lui marocchino, che guidava l’auto.
Secondo una sommaria ricostruzione della dinamica pare che la Fiat Punto condotta dalla signora D. I., 73 anni di Villapiana che proveniente da Trebisacce viaggiava in direzione del suo paese, nell’imboccare il ponte e forse nel tentativo di frenare per dare la precedenza, abbia sbandato e dopo aver urtato con violenza contro la sponda del ponte si è messa di traverso sulla carreggiata. A quel punto l’auto del marocchino, una Volkswagen Polo che viaggiava in senso opposto, non fatto in tempo a frenare ed è entrata in collisione con l’auto della signora, la quale ha avuto la peggio perché ha impattato prima contro la sponda del ponte e poi contro l’auto del marocchino.
Sul posto, oltre ai Carabinieri di Villapiana al comando del Maresciallo Luigi Potenza ed ai Vigili del Fuoco Volontari di Trebisacce che hanno bloccato il traffico, è arrivato subito il 118 di Trebisacce i cui sanitari hanno soccorso i feriti prendendosi cura in particolare del bambino che per fortuna sembrava illeso perché protetto dalle braccia della mamma. In ogni caso i sanitari, visto che era coinvolto un bambino, consultatisi con la Centrale operativa del 118, hanno deciso di trasferire tutti e quattro i feriti, per i necessari accertamenti, presso l’Ospedale “Compagna” di Corigliano dove c’è il Reparto di Pediatria. Le loro condizioni pare comunque non siano gravi.
Fonte la provincia
Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.