3 ore fa:«I centri storici di Corigliano e Rossano sono in condizioni pietose»
2 ore fa:Ripiomba l'inverno nella Calabria del nord-est. E sarà così fino a maggio
38 minuti fa:Al Polo Liceale di Rossano in scena lavori teatrali del Progetto "Staging Europe: This is us. We. Our past. Our future"
8 minuti fa:Aborto, Scutellà (M5s): «Il governo Meloni si allinea ai più retrogradi e conservatori governi di destra europei»
13 ore fa:Incidente alle porte di Vaccarizzo: coinvolto il Sindaco Pomillo, trasferito in ospedale
4 ore fa:Urbact, Corigliano-Rossano protagonista del programma europeo City-to-City Exchanges
1 ora fa:Attentati alle attività commerciali di Sibari, Papasso chiede un presidio fisso di forze dell’ordine
16 ore fa:Corigliano-Rossano: approvato il bilancio di previsione
1 ora fa:A Castrovillari "buona la prima" per il Pollicino Book Fest
15 ore fa:Prospettive e programmi per Corigliano-Rossano

Tutto pronto a Civita per le Vallje

1 minuti di lettura

CIVITA - Le vallje, celebrazioni che si svolgono il martedì dopo la Pasqua da data immemorabile, si pensa risalgano al periodo delle emigrazioni per celebrare la vittoria di Skanderbeg sui Turchi e la conquista di Kruja da parte delle truppe dello stesso.

In seguito le vallje hanno rappresentato un momento celebrativo dell’etnia, per ricordare a tutta la comunità della diaspora la propria identità, il patrimonio etnico-culturale, fatto di tradizioni, di valori e di una propria visione della vita che in questa celebrazione ad alta voce conferma e trasmette con il canto alle generazioni più giovani.

A Civita scendono per le strade le ridde femminili, un tempo non molto lontano anche quelle formate da soli uomini “Plezit”,le prime formate da donne sposate e nubili, a capo della ridda si pongono due uomini che guidano i movimenti della danza, la quale si muove sulle note di leggendarie rapsodie.

I movimenti sono avvolgenti spesso a spira e non sarebbero altro che una rappresentazione-celebrazione della tattica militare usata da Skanderbeg, la regola vuole infatti che la Vallja con il suo incedere, imprigioni al suo interno delle persone rappresentate nel presente da forestieri e fatte prigioniere, le quali per essere liberate devono pagare il simbolico riscatto, devono offrire da bere e da mangiare per poi essere ringraziate con il canto.

I gruppi che parteciperanno all’edizione 2024 :

“Shpirti  Arbëresh" di Cerzeto; "Ullania" di San Benedetto Ullano; "Katundi Joni" di San Marzano di San Giuseppe (Ta); "Oreste Ventrice" gruppo folk San Nicola dell'Alto (Kr); Gruppo folk Plataci; Këngetaret te kazallvjeter di Castelvecchio di Pugli ( Fg); Gruppo folk "I Giganti di Taurianova dei fratelli Taverna (Rc); Gruppo "Pa Stoli"; Vallje civitesi.

Durante la manifestazione verrà conferita la cittadinanza onoraria al noto conduttore televisivo Giorgio Mastrota.

A chiudere l’edizione 2024 sarà il gruppo di Casalvecchio di Puglia.

 

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.