16 ore fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie
Ieri:La pioggia bagna le piazze di Straface e Stasi: ma la campagna elettorale è già un bollore di attacchi
8 ore fa:Ballarati, autore castrovillarese, conquista anche Napoli
Ieri:La Diocesi di Rossano Cariati si prepara alla 50^ edizione delle Settimane sociali dei cattolici
15 ore fa:Viaggio tra i Feudi della Sila Greca - Il Principato di Campana, Regno indiscusso dei Sambiase per oltre un secolo
14 ore fa:Amministrative a Co-Ro, presentata la lista della Lega a sostegno di Straface
11 ore fa:Il Metropolita Polykarpos accolto a Corigliano-Rossano: giorno memorabile per la comunità greco-ortodossa cittadina
13 ore fa:Accordo Quadro Anci-Conai 2020-2024, giornata di approfondimento alla Provincia
10 ore fa:Patologie reumatiche, due giornate di approfondimenti all'Unical
7 ore fa:Baldino (M5s) attacca Occhiuto: «Con la faccia di bronzo fa campagna elettorale nell'Alto Jonio, luogo saccheggiato e depredato»

Co-Ro, manutenzione e scavi su strada: sospese gran parte delle autorizzazioni

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - In queste settimane il settore Reti e Manutenzione del Comune di Corigliano-Rossano ha sospeso gran parte delle autorizzazioni agli scavi concesse per lavori sulle reti elettriche e telefoniche a causa di sistematici ritardi nelle opere di ripristino della viabilità comunale che continuano a causare danni alla comunità ed all'Ente. Le autorizzazioni erano state concesse sulla scorta di precisi impegni a ripristinare adeguatamente i manti stradali in condizioni ed entro tempi accettabili, mentre l'Amministrazione ha rilevato mancati ripristini stradali che attendono persino da un anno.

«Se c'è una cosa che non sopporto – ha dichiarato il sindaco Flavio Stasi – è che ci siano imprese che nei territori del centro-nord lavorano con precisione e tempestività impeccabile, mentre nei nostri territori si prendono il lusso, per risparmiare sul lavoro, di prolungare i lavori per mesi e poi di non ripristinare per altrettanto tempo. Ho specificato più volte ai committenti di tali lavori, spesso importanti come Enel e TIM, che nella nostra città questo non deve avvenire. Tuttavia, abbiamo registrato come da un lato si continui a lavorare a rilento, magari una sola squadra per chilometri di scavo; dall'altro che ci sono ripristini che attendono da mesi».

«Per questa ragione è giusto dare notizie ai cittadini che abbiamo sospeso molte autorizzazioni – continua il Primo Cittadino - fin quando non saranno effettuati tutti i lavori richiesti. Probabilmente si attende questi mesi per poter risparmiare effettuando un unico macro-intervento, ma questo risparmio per le imprese, però, lo pagano tutto i cittadini, con disagi, reti intasate da materiale, insidie stradali, mancato decoro. Non ho alcun problema a fare anche esempi precisi, come in via Maradea o via degli Albanesi allo Scalo di Corigliano oppure in Contrada Amica. Se non si procederà immediatamente ai ripristini ai patti ed alle condizioni condivise con gli uffici comunali, comprensivi dei danni causati da tali ritardi, l'Amministrazione oltre a non concedere altre autorizzazioni, valuterà un'azione legale».

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.