2 ore fa:Il fronte degli incendi si sposta nel Basso Jonio, bruciano i boschi della Sila Greca
7 ore fa: Il caso di Maysoon Majidi e Marian Jamali in conferenza stampa alla camera
1 ora fa:A Vaccarizzo è tutto pronto per la 19esima rassegna dei vini Arbëreshë
6 ore fa:A Calopezzati Moccia e Capretti per spettacolo l’abc dell’amore
1 ora fa:Via D'Amelio e il valore del ricordo in una nazione che non sa dove andare
2 ore fa:In Calabria partono le riprese del film “La versione di Giuda” diretto da Giulio Base
3 ore fa:«Senz'acqua e fogna a cielo aperto: Schiavonea abbandonata a se stessa»
5 ore fa:XIX edizione “Suoni Festival” di Castrovillari con Audio2, Grazia Di Michele e i Jalisse
6 ore fa:Consorzio Bonifica Calabria: emesso il ruolo irriguo per il 2024 e previste facilitazioni per gli agricoltori
3 ore fa:A Co-Ro un incontro sul tema delle proiezioni criminali nei porti italiani

A Cassano sit-in organizzato dal Comune a sostegno del popolo ucraino il 26 febbraio

2 minuti di lettura

CASSANO JONIO - Un sit-in si terrà nello spazio antistante il Palazzo di Città in segno di solidarietà per il popolo ucraino e per dire STOP alla guerra. E’ stato organizzato per domani, sabato 26 febbraio, alle ore 9:00, su proposta del Sindaco Giovanni Papasso, dall’Amministrazione Comunale di Cassano All’Ionio a seguito dell’aggressione Russa che si sta perpetrando in questi giorni.

«Le ultime vicende che hanno coinvolto lo Stato ucraino – ha spiegato il Sindaco Papasso – ci   rammaricano   e   intristiscono   perché   l’attacco   all’Ucraina rappresenta un ritorno al passato. Quanto sta accadendo è una delle pagine più buie della   storia   mondiale   recente   e   arriva   dopo   due   anni   di   pandemia   passati   a combattere contro un mostro invisibile. Ora, invece, ci ritroviamo a combattere contro un despota che aggredisce la pace». Considerate queste premesse, l’Amministrazione Comunale della Città di Cassano All’Ionio, intende, in questo difficile momento, lanciare un messaggio di solidarietà e vicinanza ai cittadini di nazionalità ucraina che vivono nel territorio comunale e all’intero popolo ucraino. Un segnale importante che l’intera città vuole dare contro un atto gravissimo che ha colpito l’indipendenza, l’autonomia e l’autodeterminazione non solo del popolo ucraino ma di tutti i popoli che dovrebbero essere liberi di autodeterminarsi.

«C’è un grande bisogno di unità e sostegno – ha commentato ancora il Sindaco a nome di tutta la città – e abbiamo bisogno di non far sentire solo il popolo ucraino. Il nostro contributo, ha aggiunto, si pone a sostegno del valore della pace in quanto fondamento dell’Europa e di tutti i popoli. È il momento di scuotere le coscienze di tutti perché i fatti che stanno accadendo in queste ore riguardano il mondo intero».

Domattina, sabato 26 febbraio, insieme al primo cittadino e all’amministrazione comunale, al sit-in pacifico ma di forte protesta, sono stati invitati a partecipare i cittadini ucraini residenti nel comune sibarita, i sindacati, le scuole, le associazioni e tutte le autorità civili, militari, religiose e politiche. Tutti insieme, per dire stop a questa inconcepibile aggressione armata di Putin ed esprimere vicinanza, solidarietà e affetto a tutti quei civili e innocenti che pagano e pagheranno il peso di questo conflitto.​

Il Sindaco e l’Amministrazione, nel condannare l’attacco all’Ucraina, invitano, pertanto, i cittadini e le cittadine di Cassano a partecipare alla manifestazione pacifista, al fine di far sentire la nostra presenza a sostegno del popolo ucraino contro una guerra assurda e pericolosa per il futuro dell’Europa all’insegna dei colori di pace. È importante che da Cassano, ha affermato, infine, il sindaco Papasso, sabato parta un messaggio di unità e di significativa mobilitazione per chiedere la fine dell’invasione dell’Ucraina.

 

Francesca Sapia
Autore: Francesca Sapia

Ha due lauree: una in Scienze politiche e relazioni internazionali, l'altra in Intelligence e analisi del rischio. Una persona poliedrica e dall'animo artistico. Ha curato le rassegne di arti e cultura per diversi Comuni e ancora oggi è promotrice di tanti eventi di arti visive