21 ore fa:Grande festa ai Laghi di Sibari per i 20 anni de “Le Notti dello Statere”
20 ore fa:Corigliano-Rossano, le opposizioni: «Stasi non è l’amministratore di una srls»
21 ore fa:La Vignetta dell'Eco
2 ore fa:Calabria, "L’acqua di San Giovanni" e “E cummari du mazzettu”
5 ore fa:Ammodernamento tecnologico per gli ospedali della Sibaritide-Pollino: ecco le novità
7 ore fa:Strage di vitelli sulla statale 534: all'alba auto danneggiate e feriti
7 ore fa:Civita: inizia la terza sindacatura di Alessandro Tocci
20 ore fa:Brucia la Valle del Coscile: fiamme minacciano il santuario della Madonna del Castello
3 ore fa:Camigliatello Silano, al via il Summer School: "Progettazione e realizzazione di strutture di legno"
4 ore fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie

Bollette idriche a Cariati, Udicon: «Serve chiarezza per dissipare dubbi e criticità»

1 minuti di lettura

CARIATI - Divergenze di interpretazione sull’applicabilità della disciplina sulla prescrizione relativamente alle fatture idriche del Comune di Cariati, l’Unione per la Difesa dei Consumatori ha richiesto l’intervento dell'ARERA (Autorità di regolazione per energia reti e ambiente) e dell'AGCM (Autorità garante della concorrenza e del mercato) per dissipare ogni dubbio e criticità. 

È quanto fa sapere Ferruccio Colamaria, Presidente provinciale dell’UDICON sottolineando che l’obiettivo è quello di offrire la risposta definitiva alla questione che vede al centro i diversi cittadini che hanno ricevuto le bollette per consumi imputabili ai due anni precedenti, ma non sanno ad oggi, come muoversi. 

A titolo esemplificativo – si legge nella nota della sede nazionale UDICON inoltrata ai due enti- risultano emesse fatture nel 2021 per consumi imputabili agli anni 2018 e precedenti. Tale condotta è apparsa subito in contrasto con la normativa vigente in punto di prescrizione biennale in materia. La norma dispone, in estrema sintesi, che nei contratti di fornitura del servizio idrico il diritto al corrispettivo si prescrive in due anni e che tale disposizione si applica alle fatture con scadenza successiva al 1°gennaio 2020. 

Appare evidente che si profila una chiara divergenza di interpretazione sul punto, tra gli orientamenti che emergono dalla posizione assunta dagli uffici comunali e coloro che ritengono che in base alla normativa citata non sia in nessun modo configurabile una bolletta idrica con scadenza successiva al gennaio 2020 recante consumi risalenti nel tempo oltre i due anni precedenti. Con ogni evidenzia la questione merita di essere approfondita, alla luce dei rilevanti effetti per i consumatori derivanti dall’applicazione o meno della prescrizione biennale. 

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

26 anni. Laurea bis in Comunicazione e Tecnologie dell’Informazione. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia